Inside Factory a “Leggenda” con Digital Factory Lab

In occasione del Festival Leggenda, che si terrà a Empoli dal 05 all’08 maggio 2022, Inside Factory aprirà, insieme a VoipVoice, Digital Factory Lab per l’Educazione Digitale, uno spazio dove si alterneranno incontri e workshop dedicati alla conoscenza del mondo digital e dei social ma non solo, grazie alla presenza anche di Workstation e Spazi Gaming.

Il Digital Factory Lab sarà allestito al piano terra della Biblioteca Comunale di Empoli, nella stanza attigua al Cenacolo degli Agostiniani, diventando uno spazio poliedrico per bambini, ragazzi e adulti per momenti di confronto e educazione sul mondo digitale.

Questi gli appuntamenti in programma:

Giovedi 05 maggio alle ore 17:00 per il progetto Connessi Consapevoli, realizzato da Inside Factory in collaborazione con il Centro Co.Me.Te., Conny Leporatti, Psicologa Psicoterapeutica e Responsabile Centro Co.Me.Te. e Cristian Di Gesto, Psicologo e Dottore in Clinical Sciences, terranno un incontro su “Unfollowa il Cyberbullo”, con lo scopo di promuovere la cultura della parità, uguaglianza e rispetto online fin da piccoli.

Venerdì 06 maggio alle ore 17:00 Simone Terreni, Managing Director VoipVoice e Ceo & Founder Inside Factory, con “Scilla e il Telefonino” affronterà il tema annoso di a quale età dare lo Smartphone ad un bambino, presentandoci anche le giuste regole per un suo utilizzo corretto e consapevole sia da parte dei genitori che dei bambini stessi.

Sabato 07 maggio alle ore 11:30 Alessia Rustichini, HR Manager VoipVoice, terrà un workshop dedicato principalmente agli studenti delle scuole superiori per parlare di come si scrive un corretto Curriculum Vitae con “Hai mai scritto un CV? Facciamolo insieme”, fornendo anche consigli pratici su come affrontare nel migliore dei modi un colloquio di lavoro, sia online che in presenza.

Sabato 07 maggio alle ore 17:30 Martina Giacomelli, Executive Director Inside Factory, presenterà live il suo eBook “Smart Working & Benessere e spiegherà in cosa consiste effettivamente lo Smart Working e perché può davvero essere uno strumento utile per la costruzione del benessere dell’individuo, presentando approcci organizzativi e metodologici per metterlo in atto correttamente.    

Domenica 08 maggio alle ore 11:30 Simone Terreni, Managing Director VoipVoice e Ceo & Founder Inside Factory, realizzerà il laboratorio “Come sono nati i Social Network” dedicato ai bambini e ai ragazzi  per raccontare la storia e l’evoluzione dei social network!

Domenica 08 maggio ore 17:30, sempre in compagnia di Simone Terreni, Managing Director VoipVoice e CEO & Founder Inside Factory, si terrà l’ultimo incontro di Digital Factory Lab, un workshop dedicato a “Dante e i Social Network”. Attualizzando gli insegnamenti della Divina Commedia, Simone Terreni interpreterà e reciterà il canto XXIII de lo Inferno, creando un collegamento tra il passato e il presente.

L’ingresso a ciascun workshop è gratuito e libero!

Per maggiori informazioni, scrivi a info@insidefactory.it.

Ti aspettiamo!

L’EQUILIBRIO PERSONALE NELL’ERA DELLO SMART WORKING – I CINQUE APPUNTAMENTI ONLNE CHE CI SPIEGANO COME FARE A RAGGIUNGERLO

Lo Smart Working agevola molti aspetti della vita venendo incontro alle necessità di lavoratori e lavoratrici che grazie al lavoro agile possono avere maggiore tempo per gestire la propria famiglia o semplicemente avere maggiore tempo per se stessi. Tuttavia, bisogna fare chiarezza su degli aspetti specifici dello Smart Working che riguardano abitudini, comportamenti o atteggiamenti che possono favorire un utilizzo del lavoro agile corretto ed efficace e allo stesso tempo favorire la costruzione di un equilibrio personale.

Spesso abbiamo parlato dello Smart Working come una nuova modalità lavorativa che implica anche un cambiamento culturale e mentale e quindi non possiamo non parlare di un nuovo equilibrio, anche professionale, che sarà diverso da quello di prima dove i concetti come raggiungimento di obiettivi, flessibilità o autonomia erano ancora lontani all’interno di diverse realtà lavorative.

I webinar gratuiti di Consapevol.Mente, organizzati da Inside Factory, iniziano oggi e vi accompagneranno fino al 7 luglio e hanno lo scopo di fornire dei consigli pratici su come gestire il proprio lavoro in modalità agile non dimenticandosi, nel frattempo, di sfruttare tutti i benefici che ne derivano, anzi, approfittare di questa opportunità per prendersi maggiormente cura di se stessi e del proprio benessere.

Consapevol.Mente è un percorso di crescita personale e professionale che parte proprio dalla consapevolezza dei cambiamenti che il mondo del lavoro sta subendo in questa precisa epoca storica, che non possono non essere accompagnati anche da una consapevolezza interiore, ossia da una interiorizzazione dei cambiamenti esterni  per armonizzarli con la propria vita e la propria persona.

Ecco perché Martina Giacomelli, Executive Director Inside Factory, ha raccontato all’interno dell’e-book “Lo Smart Working & Benessere” la propria esperienza di Smart Worker che ha ridefinito le proprie abitudini lavorative a vantaggio della qualità del suo lavoro ma non solo, perché a trarre enormi benefici è stato anche quello che l’autrice stessa definisce il Life Balance, ossia lo stato di benessere e soddisfazione della propria vita dovuto a un giusto equilibrio tra vita e lavoro.

Per scaricare la guida gratuitamente clicca qui.

Nei cinque appuntamenti di Consapevol.Mente Martina Giacomelli approfondirà specifici argomenti che sono trattati all’interno del libro per accompagnarvi verso una ridefinizione delle vostre abitudini unite a un nuovo modo di pensare il proprio lavoro avendo in mente che l’insieme di tutte queste azioni sono in funzione di un miglioramento della qualità della vita.

DATE E TEMATICHIE:

PENSA SMART! COME LE ABITUDINI E LA DISCIPLINA CI FORGIANOoggi

Il primo appuntamento di Consapevol.Mente è dedicato alle abitudini, quei gesti che facciamo ormai da tanti anni e che sono difficili da cambiare perché fanno parte di noi e della nostra quotidianità. Cambiare le abitudini che non sono più funzionali significa prendere coscienza dei cambiamenti e affrontarli nel modo migliore. L’obiettivo finale? Pensare SMART! Organizzarsi in base agli obiettivi, avere un chiaro e definito metodo di lavoro per non sprecare tempo e potersi dedicare al proprio benessere.

ORGANIZZAZIONE CHE PASSIONE: TECNICHE UTILI PER IMPOSTARE IL PROPRIO LAVORO12 MAGGIO

Organizzare le proprie attività avendo sempre in mente gli obiettivi da raggiungere e in quanto tempo e gestire le diverse attività tenendo presente le priorità di ciascuna e lavorandole nella giusta sequenza e con il tempo necessario per ognuna? Tutto questo si chiama lavorare SMART! Durante il webinar parleremo dei diversi metodi per organizzarsi in questa nuova modalità lavorativa.

ISCRIVITI QUI

IMPARARE A DIRE DI NO: PIANIFICAZIONE, GESTIONE E DELEGA25 MAGGIO 2022

Dopo aver affrontato i diversi metodi per organizzare il proprio lavoro andremo a fare un focus specifico su tre azioni che possono favorire il nostro benessere, diminuendo lo stress ed evitando il burnout lavorativo. Pianficazione, gestione e delega sono queste le tre azioni che un bravo professionista deve capire quando è giusto utilizzare, coinvolgendo i propri colleghi e gestendo i rapporti tra di loro in maniera equilibrata e con rispetto, soprattutto quando davanti a una richiesta si è di fronte a un NO o siamo noi a doverlo fare per rispettare la nostra scaletta di marcia!

ISCRIVITI QUI

IL CONFRONTO CHE FA CRESCERE: BRAINSTORMING, RIUNIONI E WEBMEETING21 GIUGNO 2022

Tutti i momenti di confronto, che sia in presenza o online, sono momenti preziosi, tuttavia, nascondono delle insidie, perché possono anche rivelarsi superflui e non efficaci agli scopi prefissati. Durante il webinar parleremo di come organizzare le riunioni e sfruttarle al massimo per far crescere il proprio team, incentivandolo a collaborare insieme e a coordinarsi con le attività da svolgere.

ISCRIVITI QUI

Siamo arrivati all’ultimo capitolo e all’ultimo step del percorso di crescita personale e professionale: la costruzione di un corretto LIFE BALANCE. Un equilibrio dove la vita privata e la vita lavorativa convivono insieme senza che una possa interferire l’altra. Questo perché? Perché dietro c’è tutto un lavoro di organizzazione, pianificazione razionale delle attività e uno state of mind flessibile, scrupoloso e SMART!

ISCRIVITI QUI

INSIDE FACTORY APRE LA “BOTTEGA DI LEONARDO”

Uno spazio per grandi e piccini dedicato al Genio di Vinci, con laboratori e attività!

Domenica 24 Aprile alle ore 17:30 Inside Factory sarà in Piazza della Libertà a Vinci (FI) in occasione del “Giorno di Leonardo”, la manifestazione culturale organizzata dal Comune di Vinci per omaggiare uno dei più grandi geni della storia

La Bottega di Leonardo è l’attività creativa ed educativa che Inside Factory ha organizzato per grandi e piccoli per conoscere aspetti curiosi dell’arte e della vita di Leonardo attraverso laboratori e giochi, per vivere un momento di apprendimento e allo stesso tempo incuriosire i più piccoli!

Ti aspettiamo domenica al Giorno di Leonardo! L’ingresso è libero!

Per conoscere il programma completo dell’iniziativa clicca qui.

Un evento online per omaggiare Leonardo Da Vinci

LEONARDO SCIENZIATO E INGEGNERE “Le visioni e le intuizioni scientifiche del genio”

Il 19 aprile 2022 alle ore 21:30 Inside Factory realizzerà un webinar gratuito interamente incentrato sulla figura di Leonardo Da Vinci, una delle menti più illuminate del Rinascimento che, grazie al suo intuito e alla sua vasta e inesauribile conoscenza, ha dato spiegazioni razionali e scientifiche a molteplici fenomeni, contribuendo, inoltre, in modo significativo allo sviluppo tecnologico.  

Nell’Aprile di 570 anni fa nacque un vero e proprio genio, che grazie alla sua voglia di scoprire la verità si cimentò in diverse discipline, studiando la realtà unendo la ragione e l’esperienza. Leonardo Da Vinci riuscì a legare l’arte, la scienza e la tecnologia arrivando a creare numerose progettazioni con delle intuizioni fondamentali, che ancora oggi ci sono utili per comprendere i fenomeni che ci circondano.

Insieme a Simone Terreni, Ceo & Founder di Inside Factory, ripercorreremo i passaggi fondamentali della sua biografia per poi arrivare al racconto delle tante opere artistiche e scoperte scientifiche che ci ha lasciato in eredità.

Partecipa al webinar gratuito, iscriviti qui!

“DANTE, SIENA E I MANAGER”, INTERVISTA A FRANCESCO BELLELI, PRESIDENTE FEDERMANAGER DI SIENA

Venerdì 01 aprile alle ore 17:30 si terrà un evento nel centro storico di Siena, all’interno dell’archivio di Stato, dove si parlerà del rapporto tra Dante, Siena e i Manager.

L’iniziativa è partita dall’associazione FEDERMANAGERdi Siena, il punto di riferimento per il mondo del management che offre servizi di consulenza su aspetti contrattuali, istituzionali, sociali e professionali.

Tra le tante azioni promosse dall’associazione, la cultura gioca un ruolo predominante, infatti all’evento saranno presenti due autori che dialogheranno tra loro, mettendo a confronto due punti di vista, diversi ma complementari, del ruolo del manager e lo faranno attraverso i loro libri.

Simone Terreni, Ceo & Founder di Inside Factory e autore del libro “A superar lo Inferno”, è uno dei due ospiti, che ci parlerà del manuale di crescita personale e professionale che ha scritto prendendo in prestito e attualizzando i messaggi che Dante Alighieri ci ha lasciato in eredità all’interno della Divina Commedia.

Simone Terreni dialogherà con Enrico Cerni, Head of Faculty and Mandatory Training di Generali, nonché autore del libro “Dante per manager”, testo che tratteggia le principali caratteristiche che un manager di oggi deve avere per essere in grado di gestire le tante responsabilità a cui è sottoposto.  

Un evento dove la cultura e la managerialità si fondono quindi insieme per scambiarsi idee, riflessioni e conoscenza!

Francesco Belelli, Presidente dell’associazione Federmanager di Siena

Abbiamo intervistato Francesco Belelli, Presidente dell’associazione Federmanager di Siena, in vista dell’evento “Dante, Siena e i Manager” !

Tra poco avrà luogo l’evento “Dante, Siena e i Manager”, le piacerebbe anticiparci qualcosa sul rapporto tra la città di Siena e i manager? Siena è una città d’arte, caratterizzata da un tessuto imprenditoriale e sociale importante per l’intera Regione e che sicuramente ha radici profonde che si possono rintracciare dal passato. Ce ne può parlare?

Il rapporto tra Siena ed i Manager è stato sempre di grande valore, grazie alla presenza di realtà industriali che nel tempo hanno assunto una dimensione internazionale anche per merito del lavoro svolto dai Manager stessi.

La storia di Siena parla da sola: attraverso il ruolo svolto dalla Repubblica di Siena, prime e dopo il Rinascimento, sono state create le basi per la creazione di istituzioni presenti da molti secoli. Mi riferisco in particolare all’università ed al ruolo di diffusione della cultura che la stessa ha svolto e continua a svolgere oggi.

Il mondo del lavoro è diventato più complesso e competitivo, cambia alla velocità della luce e bisogna evolversi velocemente per rimanere influenti e attivi nel mercato del lavoro. Come è cambiata la figura del manager dal suo punto di vista?

È cambiata in maniera sostanziale: oggi più che mai per i Manager è necessario andare oltre il lato tecnico. È necessario, infatti, coltivare e sviluppare quelle soft skills che consentono il coinvolgimento e la motivazione del team, avendo sempre come parametro di riferimento il rispetto e la gentilezza.

Siena viene citata spesso da Dante all’interno della Divina Commedia: non si sa con certezza se Dante abbia mai vissuto nella città ma sappiamo che la conosceva sicuramente molto bene. Qual è il motivo che l’ha spinta a sottolineare questo legame tra Dante e la città di Siena?

È indubbio che Dante conoscesse molto bene Siena. Inoltre, la competizione tra Firenze e Siena (che fatica a non essere tale anche ai giorni nostri) ha fatto sì che molti dei personaggi incontrati dal Sommo Poeta nella Divina Commedia abbiano lasciato traccia del loro operato in entrambi i luoghi.

L’evento culturale del 01 aprile ha tra i tanti scopi anche quello di fornire strumenti diversi e chiavi di lettura efficaci ai manager di oggi per assolvere al loro ruolo con responsabilità. Quale ritiene che siano le principali responsabilità che un manager si trova ad affrontare oggi, in una realtà post pandemica?

L’ho già detto ma lo ripeto molto volentieri: oggi chi ha ruoli di responsabilità ha l’obbligo di svolgere le proprie funzioni esercitandole con rispetto e gentilezza. Rispetto per le diversità (di qualunque natura) e gentilezza, intesa anche come capacità di ascolto. Un Manager deve essere un vero e proprio coach, un punto di riferimento per tutti coloro che fanno parte del suo team.

Rispetto alla situazione attuale del mercato del lavoro, quali sono i punti critici e quali sono invece i miglioramenti – se ce ne sono sia da un lato che dall’altro – che si prospettano per il prossimo futuro?

Più che di punti critici o di miglioramenti, parlerei di tendenze: innanzitutto una propensione da parte delle aziende italiane di assumere dirigenti di nazionalità diversa da quella italiana, poi un abbassamento dell’età media della categoria. Il mix di questi fattori determina la necessità di rimodulare il rapporto tra azienda e manager, caratterizzata da una maggiore fluidità rispetto al passato.

L’evento del 01 aprile viene organizzato in collaborazione con Inside Factory. Per concludere, ci farebbe piacere avere un suo feedback sulla nostra attività: come si sta trovando?

È la prima volta che Federmanager Siena collabora con Inside Factory: il giudizio è ottimo. Disponibilità, competenza e proattività sono le caratteristiche che più ho apprezzato. Avremo sicuramente altre occasioni di collaborazione e condivisione di eventi.

Inside Factory ringrazia il Presidente di Federmanager, Francesco Belelli, per l’intervista ed esprime la sua gratitudine per poter partecipare all’organizzazione di un evento tanto importante dove personalità di alto valore istituzionale si incontreranno per parlare di cultura, di Siena, di managerialità e di Dante.

Se vuoi partecipare all’evento iscriviti QUI entro le ore 16 del 31 marzo 2022. Per maggiori informazioni contattaci a info@insidefactory.it

INSIDE FACTORY’S DAY

Una full immersion dentro Inside Factory e i nuovi progetti del 2022!

Un chi/cosa, come, dove, quando, perchè che vuole raccontare i nuovi progetti aziendali per questo 2022, con la passione, l’entusiasmo e la grinta che ci contraddistinguono!

Dall’organizzazione di eventi alla formazione fino ai progetti di comunicazione e consulenza marketing: non perderti le novità che abbiamo in serbo per te, partecipa a INSIDE FACTORY’S DAY il 04 marzo 2022 dalla ore 10:00 alle ore 12:30!

Andremo proprio INSIDE la nostra FACTORY!

ISCRIVITI QUI!

Ciak, si gira! Il dietro le quinte degli eventi

Quando vediamo un film ci godiamo la visione, ci appassioniamo alle storie dei protagonisti, ci immaginiamo come andrà a finire o ci immedesimiamo in loro. Ascoltiamo le parole, le riflessioni, ci domandiamo se avremmo fatto anche noi così. Quando guardiamo un film proviamo emozioni, ci esaltiamo, ci spaventiamo, ci sentiamo partecipi della vittoria dell’eroe. Ci immedesimiamo. Ma raramente, pensiamo al dietro le quinte. Al lavoro della regia, degli scenografi, dei costumisti. Vediamo il lavoro finito, quello completo, che esce al pubblico. Ma dietro, c’è un mondo!

Organizzare eventi segue lo stesso concetto: c’è una preparazione, un dietro le quinte – quello prima della diretta – che non si vede ma che è enormemente complesso. È fatto di tanti processi, dettagli e particolari che poi si incanalano, l’uno dietro l’altro, nel momento in cui si va in scena.

Questo dietro le quinte è uno degli aspetti che preferisco dell’organizzazione degli eventi, perché la vivo come una continua ricerca di miglioramento. Tanto più i partecipanti all’evento non si accorgeranno di tutto il lavoro che c’è dietro, tanto più avremo fatto meglio il nostro lavoro. Perché chi partecipa all’evento deve vivere l’esperienza dell’evento e il nostro lavoro è fargliela vivere al massimo!

Ogni volta che come Inside Factory organizziamo un evento, lavoriamo con questo obiettivo! È quello che ci motiva e ci spinge a fare sempre di più. Fare bene non è sufficiente, tutto deve filare liscio. Per questo non serve solo il piano A, ma anche il piano B per la gestione degli imprevisti. Perché può succedere di tutto quando si va in scena!

Oltre al durante, esiste un pre e un dopo il ciak!

Il pre è l’enorme mole di lavoro antecedente l’evento che ha a che fare con:

  • La pianificazione: gli obiettivi e la programmazione dell’evento, l’individuazione del target, la scelta della data e della location (incluso lo studio delle piattaforme se l’evento è online), la definizione del budget, la scelta delle modalità di comunicazione (quali canali, quali touchpoint con i partecipanti, in che frequenza etc), i temi da trattare, il coinvolgimento di eventuali ospiti, la definizione dei materiali o dei gadget, la ricerca del momento esperienziale;
  • La realizzazione: la scelta della grafica, la creazione delle slide e delle immagini dell’evento, la personalizzazione dei gadget, l’invio delle comunicazioni, la creazione di comunicati stampa, l’attività di promozione, la gestione degli iscritti e dei partecipanti tramite invio di informazioni e recall, la gestione della logistica;
  • La revisione: le prove dei relatori e degli ospiti prima del live, l’allestimento in loco o i test sulle piattaforme online, la distribuzione dei gadget e dei materiali dell’evento, la definizione degli ultimi dettagli.

Il durante è ovviamente il momento del live, con l’adrenalina al massimo, con la tensione di voler fare bene e di esser completamente a servizio dell’evento, ciascuno con il proprio compito e ruolo. Dall’accoglienza dei partecipanti alla regia, dalla moderazione alla gestione degli ospiti, dalla fotografia alle attività di social communication etc.

Quando un evento finisce, la sua organizzazione non finisce nel momento in cui si chiude il sipario. Anzi, è qui che inizia il post evento! L’attività successiva al live riguarda la gestione dei feedback dei partecipanti, la creazione dei materiali dell’evento (registrazioni audio o video, piuttosto che interviste agli ospiti o ai relatori) da condividere poi successivamente con i partecipanti, la realizzazione di comunicati stampa o interviste con testate giornalistiche o riviste di settore e non, la creazione di un reportage fotografico e di un video evento e così via.

Un evento è realmente tale quando le persone si ricordano di quell’evento anche a distanza di tempo. Quando suscita un’emozione e crea appartenenza. Quando le persone hanno piacere di dire “io c’ero”. Ecco, io c’ero è quello a cui miriamo come Inside Factory ogni volta che organizziamo un evento!

Io c’ero è quello che diciamo anche noi lato organizzazione con orgoglio quando a fine evento siamo soddisfatti di quello che abbiamo realizzato!

Per saperne di più sul nostro servizio di organizzazione eventi, contattaci a info@insidefactory.it, sarà un piacere prenderci cura dei tuoi eventi!

Articolo a cura di Martina Giacomelli

Le cinque tappe del Telecommunication Strategies raccontate dai cinque protagonisti della Digital Trasformation

Inside Factory riparte con gli eventi Live!

Dal 14 al 17 Settembre si è tenuto il tour “Telecommunication Strategies: cinque step per la Digital Transformation”. Quattro appuntamenti, incentrati sul mondo delle telecomunicazioni e sulla telefonia VoIP. Un roadshow commerciale in giro per l’Italia iniziato a Caserta, proseguito a Roma, poi Montelupo e terminato a Milano. L’evento in questione è stata un’occasione per mostrare ai professionisti del settore le ultime novità del mercato del digitale e degli strumenti TLC.

Inside Factory ha curato la parte organizzativa dei quattro incontri, spronata dalla consapevolezza dell’importanza che queste occasioni di confronto e di aggiornamento sono una risorsa utile per i partecipanti che, a loro volta, avranno il compito di guidare le imprese verso la transizione al digitale.

Rimanere sempre informati e aggiornati sugli sviluppi del progresso tecnologico sono alcuni degli elementi essenziali per agevolare il processo di Digital Trasformation all’interno delle aziende. Durante gli appuntamenti abbiamo avuto la partecipazione di cinque attori che, in prima linea, propongono le soluzioni più innovative per accompagnare le imprese in questo processo. Ecco chi sono stati: VoipVoice, provider business oriented dei servi voce VoIP e connettività, 3CX fornitore dei centralini telefonici IP, Snom e EPOS|Sennheiser venditori di strumenti professionali audio e PR DISTRIBUTION, distributore di strumenti e servizi legati al mondo VoIP.

A conclusione dei singoli eventi, proprio a loro abbiamo chiesto di rilasciarci un commento e il filo comune che lega tutte le risposte è la felicità di rivedersi dal vivo e aggiornarsi professionalmente, grazie alle relazioni di rapporti umani instaurati e consolidati nel tempo.

Giovanni Montanaro, Sales Specialist di PRDistribution, ha partecipato in prima persona all’organizzazione degli eventi e pur elogiando la capacità degli strumenti digitali di mettere in contatto le persone distanti tra loro, non rinuncerebbe mai agli incontri dal vivo: “Era da tanto tempo che non era nemmeno possibile ipotizzare la partecipazione o la creazione di eventi per i motivi che tutti conosciamo. Gli strumenti tecnologici attuali hanno permesso di mantenerci digitalmente connessi, ma quello che inizialmente era considerata un’opportunità per ottimizzare le tempistiche di confronto fra più persone aiutandoci a svolgere riunioni, trattative, colloqui, comodamente seduti davanti al proprio PC (per altro con un basso impatto inquinante), rischiava di diventare un’arma a doppio taglio in grado di assopire i rapporti interpersonali. Quando abbiamo pensato a questo evento, lo abbiamo fatto con un obiettivo ben preciso: parlare di temi legati al VoIP, alle Unified Communications, alla digitalizzazione, con i nostri partner ma facendolo in presenza, con toni confidenziali, coinvolgendo i principali brand con cui collaboriamo. Ho avuto il piacere di rivedere molti partner e di conoscerne altri. Gli strumenti per rimanere connessi e per comunicare sono fondamentali nella nostra epoca, lo dimostrano le percentuali di crescita di webinar e percorsi digitali nati per sensibilizzare su varie tematiche, una su tutte quella sull’importanza della digitalizzazione. Personalmente mi auguro che gradualmente si possa tornare a creare eventi in presenza, soprattutto per consolidare i rapporti fra persone che sono alla base di tutto.”

Loris Saretta, Regional Sales Manager di 3CX, non vede l’ora di partecipare al prossimo evento e commenta così la sua esperienza al Telecommunication Strategies: “Un roadshow organizzato da Inside Factory per conto del nostro distributore Gold, la PRDistribution, dove ho presentato la nuova versione 18 della piattaforma di Unified Communication di 3CX. I partecipanti si sono dimostrati molto interessati alle novità che ho presentato, prima tra tutte l’integrazione con Teams di Microsoft, ma anche al nuovo sistema di Live Chat che è attualmente disponibile, ed un alto interesse lo ha riscosso il nostro nuovo sistema di ticketing integrato che uscirà molto presto e che permetterà di avere un CRM integrato con il centralino incluso nel costo della licenza. Le domande sono quindi state moltissime e posso dire che il roadshow è stato un vero successo, che speriamo di replicare al più presto.”

Rosario Pitanza, Channel Manager Italy Malta and Israel di Snom, alla domanda su come è stato l’evento di Milano del 17 settembre, risponde così: “L’esperienza del tour è stata sicuramente positiva per due motivi: il primo è che nel nostro settore il contatto umano è ancora fondamentale e non verrà mai sostituito da una video call; quindi, rivedere i partner in sicurezza e stringere qualche mano è stato sicuramente un momento di ritorno alla normalità. Secondo, perché l’evento è stato organizzato nel momento migliore dell’anno, ossia dopo la pausa estiva e nel mese più propizio dell’anno: settembre. Infatti, bisogna seminare proprio in questo mese, dal punto di vista del business, per poi raccogliere nei tre mesi successivi prima della chiusura natalizia. Organizzato adesso servirà sicuramente a portare avanti questo obiettivo.”

Simone Albanini, Key Account Manager Senior di Epos ha espresso la sua gioia per essere ritornato a partecipare a un evento dal vivo, consapevole dei vantaggi che gli incontri in presenza hanno per favorire pratiche di networking costruttive: “EPOS ha partecipato a questo evento poiché è stata una bella occasione per tornare a fare attività con il cliente dal vivo. Insieme agli altri partner tecnologici abbiamo dato la possibilità di toccare con mano i prodotti ed offrire una soluzione unica ed integrata “chiavi in mano”. Dal vivo, durante lo speech oppure allo “stand” vengono fuori informazioni molto utili che solitamente un incontro online fatica a trasmettere.”

Conclude il giro di interviste Simone Terreni, Managing Director di VoipVoice, che con il suo intervento riassume il senso e lo scopo dell’iniziativa: “Sono stato felice di poter partecipare all’evento di Telecommunication Strategies, d’altronde gli incontri dal vivo sono sempre un’ottima opportunità per approfondire le relazioni umane con i vari partner tecnologici e i maggiori sponsor del settore delle telecomunicazioni. L’evento è stato fonte di gioia e soddisfazione, soprattutto perché uno degli incontri è stato organizzato all’interno del PalaVoip, la nostra sede a Montelupo Fiorentino, che ha aperto le porte per ospitare la terza tappa del Telecommunication Strategies. La possibilità di usufruire di nuove tipologie di servizio nasce dall’insieme di più tecnologie. Questo genere di eventi ha lo scopo di creare e rendere concreta l’infrastruttura integrata di telecomunicazioni mettendo in comune un insieme di prodotti e servizi che attraverso il loro legame possano favorire lo sviluppo delle tecnologie innovative. Mi era mancato vedere dal vivo questa sinergia tra i maggiori professionisti del settore che collaborano insieme per dare forma e realizzare una soluzione unica e integrata di telecomunicazioni e spianare, in questo modo, la strada all’innovazione tecnologica.”

È attraverso l’azione integrata di queste realtà che è possibile attuare il processo di evoluzione verso l’implementazione di soluzioni digital che possano migliorare ed efficientare i processi lavorativi delle imprese.

Siamo felici di prendere parte a questa iniziativa e in parte di incidere in maniera positiva alla diffusione degli strumenti tecnologici, con l’ottica di utilizzarli in maniera unificata e complementare e per questo incidere sulla crescita e lo sviluppo delle aziende italiane.

Organizzare una Convention: il nostro dietro le quinte!

Dopo due anni particolarmente difficili in cui abbiamo rinunciato a qualsiasi tipo di socialità e ci siamo preclusi occasioni di incontri, abbiamo ricominciato l’anno lavorativo con l’organizzazione di un grande evento, tra i più importanti che abbiamo mai organizzato, e con la gioia di essere riusciti a far vivere alle persone una giornata di festeggiamenti, rispettando le norme sanitarie vigenti e riuscendo comunque a creare un’atmosfera di celebrazione, il team di Inside Factory non è mai stato così unito e compatto per il proprio lavoro.

L’evento in questione è l’anniversario dei 15 anni di VoipVoice, un traguardo che l’azienda voleva rendere indimenticabile e con un’organizzazione minuziosa della giornata e con un lavoro di preparazione iniziato con diversi mesi in anticipo siamo riusciti a portare oltre 200 persone all’interno del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze, sede del Comune e cuore pulsante di tutta la città, per far vivere un’esperienza unica ed emozionante a tutti i partecipanti.

Una volta che sono state decise le cose più importanti, ossia il titolo dell’evento e la location quello che è successo dopo è stato solo tanto duro lavoro per riuscire a soddisfare sia le nostre ambizioni sia quelle del cliente VoipVoice.

L’immagine di Dante che ci incita a fare del nostro meglio, attraverso l’ingegno e la conoscenza, per superare confini e ostacoli è stata la conseguenza indiretta e non calcolata della scelta del tema dell’evento: “Fatti non foste a vivere come bruti”.

Con il sostegno immaginario del Sommo Poeta il team di Inside Factory ha iniziato a concentrarsi sulle specificità del progetto curando ogni singolo dettaglio e seguendo tutti i processi di preparazione.

L’allestimento della sala è stato predisposto in modo tale che la protagonista fosse VoipVoice e quindi sull’udienza del Salone dei 500 faceva da padrona una gigantografia con il nome e il logo dell’azienda. Le luci, tendenti al blu richiamavano i colori del logo ma allo stesso tempo davano risalto alle opere d’arte che decorano le pareti e il soffitto dell’intera stanza. Sono stati presi i contatti con i diversi fornitori e tecnici, che con la supervisione sempre di Inside Factory, hanno creato un’ambiente idoneo ad accogliere oltre 200 persone in completa sicurezza, mantenendo la solennità del posto e sviluppando un’atmosfera celebrativa.

Tutti i partecipanti all’evento sono stati accompagnati in ogni momento, dal loro arrivo all’interno del Palazzo fino alla fine della Convention. Questo ha comportato un lavoro di segreteria importante perché, sebbene il cuore della giornata fosse la Convention fissata per la mattina di sabato, sia la sera prima sia durante tutta la giornata le persone sono state accompagnate in diversi luoghi simbolo della città, per far respirare loro l’aria di festa e al contempo permettergli di godere della bellezza della città, dall’aperitivo di benvenuto in una terrazza con vista panoramica a 360° su Firenze fino al pranzo nel cuore di Piazza dell Repubblica e infine la visita guidata all’interno del Museo dell’Opera del Duomo e al Battistero.

Le immagini e tutte le grafiche utilizzate sono state merito di Giorgio Galimberti, il creativo del team, che si occupa della grafica: “Organizzare un evento aziendale all’interno di Palazzo Vecchio, e più precisamente nel Salone dei Cinquecento, è una soddisfazione personale e di gruppo che non ci scorderemo facilmente. 15 anni di vita di un’azienda sono un traguardo importante e festeggiarlo al meglio in uno dei luoghi più rappresentativi della cultura italiana è un vanto di cui andare molto fieri. Sicuramente per preparare al meglio questo evento è servito un grande sforzo, dedizione e cura ai particolari: il risultato finale però ha sicuramente ripagato tutto il lavoro svolto dietro le quinte nei mesi precedenti. È servito un importante lavoro di squadra per riuscire a ottenere il miglior risultato possibile e alla fine possiamo essere davvero contenti per come si è svolto l’evento.”

Chi partecipa a un evento di queste dimensioni e di questa importanza può pensare erroneamente che il lavoro più difficile è quello del giorno stesso, dove bisogna supervisionare che ogni cosa vada per il verso giusto ma in realtà tutto quello che c’è prima è ancora più impegnativo. La comunicazione con gli invitati è essenziale, fornirgli tutte le informazioni corrette ed esaustive prima dell’evento sono dei requisiti indispensabili che richiedono tempo e ore passate al telefono.

In questo il ruolo fondamentale è stato svolto da Costanza Lanfranchi e Chiara Paolella, due new entry del team di Inside Factory ma che con il loro pragmatismo e la loro energia hanno saputo gestire il turbinio di attività di quest’evento!

“La preparazione di un evento così grande richiede un’ottima organizzazione e questo è raggiungibile solo attraverso una chiara e precisa suddivisione dei compiti. A parer mio, questo è avvenuto tenendo in considerazioni le qualità e le capacità specifiche di ognuno di noi, permettendoci da una parte di lavorare in serenità ma dall’altra è stata una grande occasione di crescita professionale attraverso il mix di competenze degli altri membri del team. La pressione e l’agitazione sono emozioni tipiche quando prepari eventi di questo genere, tuttavia con un buon lavoro di squadra è possibile tamponarle e avere più probabilità di riuscita. – Ha commentato Chiara, raccontando l’esperienza di esser catapultati in un mondo completamente nuovo!

“L’organizzazione della Convention è stato l’evento dove ho potuto prendere parte in prima persona all’organizzazione e mi sento molto fortunata per tre motivi: il primo per il luogo dove si è tenuto, che già basterebbe per far perdere il fiato a chiunque ci entrasse, il secondo per averlo fatto per una bella motivazione, ossia il benessere di un’azienda che raccoglie intorno a sé tante persone che credono nella forza del cambiamento, infine di averlo fatto con un team che ha trasformato la pressione e l’ansia in motivazione ed entusiasmo, che dal mio punto di vista sono importanti quanto i suoni, le luci o altri particolari che compongono un evento”

Sono entrata da soli sette mesi a Inside Factory e mai mi sarei immaginata che avrei preso parte all’organizzazione di un evento così grande e spettacolare come quello dedicato alla Convention dei 15 anni di VoipVoice. Ognuno aveva dei compiti ben precisi ma non sono mancati il supporto e l’aiuto reciproco costante che, in un team che si rispetti, sono essenziali per poter lavorare in modo efficiente. L’evento era diviso in due giornate, in tre diverse location, l’organizzazione non è stata semplice; ma, nonostante tutto, siamo riusciti a realizzarlo con successo. A confermarcelo sono stati i tanti ringraziamenti e complimenti sia di tutti gli ospiti che dell’amministratore delegato di VoipVoice Simone Terreni. Grata e molto soddisfatta di tutto il lavoro svolto insieme ad una squadra eccezionale.”, dice Costanza con un grande sorriso, gli occhi ancora stanchi ma felici e brillanti per l’emozione.

Tutta l’attività di coordinamento di questo importante evento è stata impostata con il lavoro dell’Executive Team di Inside Factory, con grande cura e attenzione a ciascuna fase dell’evento!

Serena Masoni, Executive Team di Inside Factory, si è dedicata anima e corpo alla riuscita dello stesso, con grande dispendio non solo di energie ma anche di premura! Un sogno diventato realtà come afferma lei stessa. “Organizzare un evento come quello che si è tenuto venerdì 3 e sabato 4 settembre, penso possa essere considerato come un atto di amore verso l’azienda per la quale si crea e verso l’ospite al quale vogliamo che rimanga un ricordo indelebile. È atto di amore, perché in esso risiede la cura e l’attenzione ad ogni dettaglio. Da quando ho cominciato ad occuparmi di eventi il mio desiderio è sempre stato quello di riuscire ad organizzare un evento all’interno del Salone dei Cinquecento, un desiderio che pensavo fosse dedicato solo “ai grandi”, ma quando è cominciato a diventare realtà, ho realizzato che anche noi siamo fra quei “grandi”. Varcare quella soglia, alzare gli occhi al soffitto, essere contornati da tutta quella bellezza trasmette un’emozione incredibile, difficile da spiegare. Per capirla la si può solo vivere. Gestire tre location diverse, una ventina circa di fornitori, star dietro alle tempistiche che ci avevano indicato, stando attenti che tutto quadrasse, che non fosse dato niente per scontato, non è stato affatto semplice e non nego di essere arrivata a fine dei due giorni esausta, ma molto felice e orgogliosa del risultato ottenuto”.

La supervisione e precisione di Martina Giacomelli, Executive Director di Inside Factory, sono stati determinanti per la riuscita e l’organizzazione dell’evento, che ancora non è riuscita a fermarsi neanche un secondo e commenta così l’esperienza: “I momenti che preferisco degli eventi sono quello immediatamente prima dell’inizio, quando intorno c’è silenzio e poi subito dopo <diventa tutto rock!>, e appena finito, quando le luci si spengono e ti guardi intorno. È lì che incontri gli sguardi del gruppo che ha lavorato insieme a te con passione ed energia per rendere tutto perfetto. Volti stanchi, gambe affaticate, scarpe di ricambio già indossate ma soprattutto occhi colmi di soddisfazione e di gioia! Questa è la condivisione massima che si può avere dopo mesi e mesi di duro lavoro e impegno, minuti, ore e giorni dedicati a rendere tutto perfetto per quell’evento che inizia e finisce il giorno prestabilito, all’orario prestabilito, con partecipanti felici di esserci stati. E sì, anche noi ci siamo stati e abbiamo vissuto insieme a tutti loro, sulla nostra pelle, una delle esperienze più entusiasmanti che possano esserci, perché creare un evento e renderlo tale vuol dire creare un’emozione. Questa stessa emozione che anche noi sentiamo addosso!”

Aver creato un’esperienza condivisa in un luogo che emanava tanta bellezza e maestosità hanno ripagato tutta la fatica dei mesi precedenti e saranno il nostro incoraggiamento per realizzare in futuro tanti altri eventi di questo genere! Ad maiora!