Organizzare il 2° Top Partner Meeting di VoipVoice, diario di bordo.

I primi ad arrivare sono sempre Martina, Serena e Giorgio, anche perché giocano in casa, poi è la volta delle smart worker: Claudia da Padova, Giovanna (la sottoscritta, ndr) da Napoli e, infine, Desirée da Rimini. L’appuntamento era al nostro headquarter di Montelupo Fiorentino, ma in realtà noi siamo stati tutti a stretto contatto “telematico” durante l’estate per i preparativi del 2° Top Partner Meeting di VoipVoice, l’incontro semestrale rivolto agli Special Partner aziendali.

Non una semplice convention, ma il principale evento di networking della casa madre di Inside Factory. Quindi aspettative alle stelle!

Tutto era incominciato diversi mesi prima, quando ad una delle nostre consuete riunioni aziendali ci viene affidato l’incarico di organizzare l’intero meeting il 6 e 7 settembre.

LE LOCATION

Come da copione, siamo partiti con la selezione delle location, a Vinci esattamente, poco distanti da Montelupo, per celebrare il genio di Leonardo. Dopo un’attenta analisi, la scelta è ricaduta su due casali storici, Casale di Valle e Villa Vignozzi, incastonati nel verde delle colline toscane, tra i vigneti, i salici e i borghi fiorentini. Un paesaggio inusuale per chi si occupa di tecnologia, ma che si sposava appieno con l’obiettivo della due giorni, ossia il networking, l’incontro tra le persone, per analizzare insieme i risultati e progettare il prossimo futuro aziendale.

GLI OSPITI

Fase numero due. La gestione dei partecipanti. Ora, c’è da dire che la squadra degli Special Partner di VoipVoice è veramente grande, parliamo di oltre 100 persone. Inoltre, proviene da tutta Italia, da Bolzano fino a Palermo.

Quindi oltre che organizzatori di eventi ci siamo trasformati in veri e propri tour operator! In termini organizzativi ha significato: verificare il numero degli ospiti e degli accompagnatori, accogliere gli ospiti non automuniti, prenotare diverse strutture alberghiere, i ristoranti e i musei, informarsi su eventuali intolleranze o preferenze alimentari, ideare degli itinerari per gli accompagnatori non del settore che durante la convention hanno preferito visitare i borghi limitrofi, per poi ricongiungersi a cena con i familiari.

LE SESSIONI DI LAVORO

Quanto descritto fin qui riguarda solo l’accoglienza, poi c’è il meeting vero e proprio, ossia l’intera sessione dei lavori, dove diversi speaker si sono alternati sul “palco”.

Il palco. Bèh spesso si sottovalutano, ma le attrezzature possono fare la differenza. Immaginare l’intero percorso dei partecipanti, posizionare un videoproiettore, disporre le sedute, avere microfoni, wifi e aria condizionata sempre funzionanti, sono accorgimenti che vanno studiati e risolti con largo anticipo, onde evitare spiacevoli inconvenienti.

Come sopra, l’aspettativa era alle stelle, per cui tutto, ogni singolo dettaglio, dai porta badge fino all’ingresso degli Special Guest è stato organizzato alla perfezione.

IL TEMA

Il genio, la creatività, l’innovazione e le stesse invenzioni di Leonardo hanno fatto da fil rouge della due giorni. Cosa significa in chiave organizzativa? Tutta la comunicazione, le newsletter e le DEM, le slide, le presentazioni, la cartellonistica, la segnaletica e i menù, sono stati realizzati con una grafica ad hoc.

Non solo, anche i momenti di meet up e momenti ludici, sono stati sempre a tema leonardiano: durante la “cena rinascimentale” del venerdì sera, Leonardo “in persona” ha premiato i partner più meritevoli. Infine, alla chiusura dei lavori, ai vari partner presenti è stata offerta la visita ai Musei Leonardiani di Vinci, per una vera e propria “Leonardo Experience”.

Anche questi momenti meritano un’attenzione particolare e non vanno mai sottovalutati. Seduti a cena, con due risate ci si conosce di più. Sono momenti utilissimi per vedere il lato umano del proprio lavoro. Un’occasione per entrare in contatto e in confidenza con chi si parla solo attraverso le mail o il telefono.

E POI C’E’ INSIDE FACTORY

Come un alunno premiato dalla maestra, è arrivato anche il nostro momento. Durante l’immersione nel mondo di VoipVoice sono state presentate anche le altre aziende del gruppo che erogano servizi indipendenti, quindi anche la stessa Inside Factory! L’intero team è stato presentato alla platea di 47 aziende, con la promessa di lavorare insieme.

Aspettativa immediatamente confermata. Già da subito, infatti a noi l’incarico di organizzare i nuovi VoipDays di VoipVoice, la seconda parte del tour del VoIP in tutta Italia.

FOLLOW UP

Terminati i lavori, ancora euforici e fieri del risultato, siamo tornati tutti alle proprie città, sempre connessi agli account social o alle mail per conoscere i commenti della due giorni.

Voi pensate che sia finita qui? Errore! A seguito di un evento c’è sempre la fase di follow up, che include diverse attività di ufficio stampa, social media marketing e di segreteria amministrativa, o ancora alcune tipologie di comunicazioni, via e mail o telefoniche ai partecipanti.

LA SFIDA

Organizzare un evento così complesso è sempre molto affascinante e avvincente. La riuscita di un evento richiede una grande pianificazione, un team affiatato e ben coordinato e mesi di lavori. I ritmi si fanno sempre più incalzanti e stringenti. Avendo maturato una discreta esperienza nel settore, abbiamo ormai imparato a cogliere per primi ogni singolo dettaglio, la sfida è riuscire ad anticipare l’imprevisto o a risolverlo in modo ottimale. Con attenzione, passione e tenacia i risultati desiderati arrivano.

Lo sguardo al cielo stellato: Lunatica 1969-2019

Metti un gruppo di appassionati di astronomia e prima ancora, quel passo, quel singolo passo che ha segnato la possibilità per l’uomo di superare l’impossibile. Seduta accanto al suo papà, ad ascoltare in diretta ciò che stava accadendo, c’è una bambina di nome Maura, emozionata, curiosa, assennata…

Tutti questi ingredienti sono stati il preambolo della giornata di sabato 20 luglio, Lunatica 1969 -2019, l’incontro che ha voluto celebrare i 50 dello sbarco dell’uomo sulla Luna. Un evento organizzato dal Gruppo Astrofili di Montelupo Fiorentino in collaborazione con Inside Factory e Promocultura, nonché ospitato e sponsorizzato da VoipVoice.

L’incontro, che ha avuto il patrocinio del Comune di Montelupo Fiorentino, ha visto la partecipazione di oltre 70 persone, grandi e bambini, interessati e divertiti dagli interventi e dai laboratori didattici.

Avvenuto 50 anni fa, quel “piccolo passo per un uomo, ma un grande passo per l’umanità” continua ad emozionare. Nell’immaginario collettivo esso ha rappresentato la possibilità di superare quel limite così labile tra il possibile e l’impossibile.” Sono queste le parole di Maura Tombelli, Presidente del Gruppo Astrofili di Montelupo Fiorentino che ha dato il via all’incontro. Ricordo quando da bambina avvenne lo sbarco sulla Luna, quando seguimmo con attenzione ogni attimo. Ricordo quelle voci, quegli istanti e alla fine, le immagini. L’emozione era incontenibile. Rivivo ancora quelle sensazioni che mi hanno guidato per tutta la vita”

Maura e il GrAM

Lunatica racchiude in sé 50 anni e tante storie. Quella dell’allunaggio, certo, della missione dell’Apollo 11 e di Neil Armstrong. Ma anche la storia del Gruppo Astrofili Montelupo e dalla sua Presidente, Maura. L’associazione di volontari appassionati di astronomia nacque nel 1995, con lo scopo di sensibilizzare alla divulgazione dell’astronomia mediante iniziative di carattere culturale e scientifico, promuovere progetti ed attività di ricerca e sviluppo in campo astronomico, sia in proprio che in collaborazione con organismi ed enti nazionali e internazionali.

Maura Tombelli è un’astronoma non professionista che si è fatta da sé, senza mai rinunciare al suo sogno. Ora è la presidente del Gruppo Astrofili di Montelupo, che di recente ha inaugurato l’osservatorio di San Vito, dedicato al suo maestro Beppe Forti, alla presenza di Piero Angela. La città ha anche un asteroide che porta il suo nome, 7198 Montelupo, scoperto proprio dalla Tombelli e dall’astronomo Andrea Boattini.

Durante il suo intervento ha ricordato in maniera delicata ma forte quanto, nella vita, siano le emozioni che smuovono il mondo e producono il cambiamento, perché “Non deve essere mai un arrivo e basta. Ogni arrivo prevede una partenza per un altro arrivo. Così agiscono le emozioni. Così mi immagino sia stato il primo uomo sulla luna. Quello che ci vuole è la determinazione: bisogna avere il coraggio di aprire il famoso cassetto e fare quello che si vuole fare affinché il sogno si esaudisca. Adesso dalla luna ci aspetta Marte.”

Luna e tecnologia: attività didattiche e laboratori

L’iniziativa di Lunatica si inserisce proprio in questo filone, perché oltre alla parte di conferenze dedicate al momento dello sbarco, all’evoluzione dell’astronomia negli ultimi 50 anni e alle conseguenze “tecnologiche” dell’allunaggio, non sono mancate le attività di laboratori per bambini realizzate in collaborazione anche con Promocultura. Durante la giornata si è potuto toccare “dal vivo” la composizione del nostro Sistema Solare e “costruire lo Sputnik”, il razzo che condusse Neil Armstrong sulla Luna.

Abbiamo chiamato a raccolta esperti astronomi e astrofili affinché ci raccontassero che tipo di satellite è la luna, quali sono le sue caratteristiche, la storia dello sbarco e le emozioni legate a quel momento. “Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità” sono le parole che di frequente riecheggiano nell’immaginario collettivo, quello che non sappiamo spesso è che oltre al fatto eccezionale di essere andati sulla luna, quotidianamente, nei nostri gesti e con gli oggetti che usiamo, siamo circondati dalla tecnologia che ha permesso a quegli astronauti di arrivare lì – e dalla sua evoluzione innovativa: assorbitori di movimento che aiutano gli edifici a non crollare durante le scosse di terremoto, monitor medici che controllano il battito cardiaco, tessuti isolanti, auricolari a batteria, lenti antigraffio, memoryfoam. Perchè l’innovazione, così come la conoscenza, non si quantifica nell’immediato ma a lungo termine, valutandone tutti i cambiamenti che ha permesso e permetterà.

Lo sbarco del primo uomo sulla luna ha rivestito un ruolo fondamentale per la nascita di internet: nella lotta contro l’URSS in quella che era la Corsa allo Spazio, gli USA – per difendersi dal rischio di una guerra nucleare – crearono nel 1958 ARPA, l’Advanced Research Projects Agency, per sviluppare soluzioni tecnologiche innovative per la difesa. ARPA aveva, tra le altre cose, il compito di creare e mettere in sicurezza una rete che collegasse i vari computer sparsi sul territorio nazionale, in grado di resistere anche ad un eventuale attacco nucleare: da qui la nascita di ARPANET, una rete embrionale che poi, con l’ideazione del protocollo TCP/IP da parte di Vincent Cerf, portò alla nascita di Internet.

Lo sguardo al cielo stellato

Lunatica si è poi conclusa con una notte di osservazione della Luna, attraverso il telescopio, presso l’Osservatorio Astronomico Beppe Forti del Gruppo Astrofili di Montelupo. L’osservatorio è tuttora impegnato nelle attività di ricerca e monitoraggio di asteroidi potenzialmente dannosi per la Terra.

Per sapere di più sulle attività del  GrAM e dell’Osservatorio Beppe Forti, vi invitiamo a visitare il sito: http://gruppoastrofilimontelupo.com/.

Rassegna stampa

La Repubblica Firenze

Versilia Today

GoNews

Il Cittadino on line

“La prova del Tour”: cosa ha significato organizzare i VoipDays di VoipVoice

Giusto un anno fa ci stavamo presentando ad una ad una, noi del team, raccontando l’entusiasmo nell’intraprendere la nuova avventura chiamata Inside Factory.

Nata come costola di VoipVoice, piano piano Inside Factory è cresciuta e ha cominciato a camminare sulle proprie gambe, occupandosi di comunicazione ed eventi. Ma Inside non è la solita agenzia, ha qualcosa in più. I suoi valori principali sono lo smart working, il lavoro per obiettivi e non in base all’orario di cartellino, gli eventi non convenzionali. La sua sfida? Raccontare emozioni, che si tratti di tecnologia, di una mostra zoofila o di un evento stellare (ogni citazione NON è puramente casuale). 

Ovviamente, se ad un certo punto la casa madre ha bisogno di un supporto per l’organizzazione di un tour di eventi in tutta Italia, vuoi che Inside, da figlio diligente, non sia in prima fila pronta a battersi per la madre patria?

La cerimonia dell’investitura

Così, orgogliosa della sua creatura, VoipVoice ha affidato al team di Inside l’organizzazione del suo roadshow, i VoipDays. Il Grand Tour del VoIP è composto da 9 tappe tra nord, centro e sud Italia, divise con uno schema 1 (isola) -4 (nord) – 2 (centro)- 2 (sud). Badate bene, sono meeting dove l’azienda incontra i partner ed installatori sparsi sul territorio nazionale.  Si tratta, quindi, di momenti fondamentali e rappresentativi per l’azienda. 

Non esageriamo se le aspettative erano: timing svizzero, cibo gourmet, location mozzafiato – possibilmente non convenzionali -, recruitment dei partecipanti amichevole-ma-professionale-ma-non-distaccato-mi-raccomando.
Il tutto raccontato in un successivo diario di bordo post evento singolo – attività che ha riguardato la sottoscritta – puntualmente redatto da Inside, su un percorso di ascolto, analisi e interpretazione delle descrizioni e sensazioni di chi c’era. 

Ok, no problem. 

L’organizzazione dislocata

Dopo un momento di vertigine, le donne di Inside Factory hanno accettato la sfida. 
– Ah sì, perché a parte il prezioso supporto grafico, il team è composto tutto da donne.- 

Organizzare e gestire il proprio lavoro da diversi punti d’Italia. Tutto il team di Inside Factory lavora e si confronta in modalità smart. Il coordinamento centrale è a Montelupo Fiorentino, qui troviamo Martina, Executive Director Inside Factory che coordina le attività come un direttore d’orchestra, affiancata da Serena, Executive Team Inside Factory e da Greta, all’area amministrazione.

La struttura operativa, invece, è situata tra Padova, Rimini e Napoli. “Credo che sia un lavoro perfettamente gestibile da remoto, non importa assolutamente dover essere in un ufficio o in un posto in particolare. Con il resto del team è fondamentale fare call di allineamento.” rassicura Desirée.

Ormai abituate alla gestione del carico in smart working, il flusso di lavoro è ben collaudato: “Personalmente ho sfruttato il lavoro agile organizzando delle fasce orarie per determinate attività: un esempio, l’analisi delle proposte di fornitori le ho evase al di fuori degli orari standard d’ufficio per una maggiore concentrazione e tranquillità di valutazione. Con le altre colleghe abbiamo trovato giorno dopo giorno la giusta tecnica di collaborazione, affinando i processi e identificando i migliori per noi!” descrive Claudia.

In particolare Claudia e Desirée hanno curato il recruitment  e tutta la customer care degli ospiti, le relazione con i fornitori (location, catering ecc), nonché tanti altri aspetti che un buon mago non può svelare! “Organizzazione eventi è soprattutto anticipazione dei problemi e flessibilità. Gestione degli imprevisti anche! Ad esempio, abbiamo dovuto cambiare sala poco prima del meeting di Bari per esigenze di numero.” ci spiega Desirèe.

Io, Giovanna, ho intervistato i partner vincitori del Premio “Nel segno di Leonardo, come il VoIP ti ha cambiato la vita”, ho ascoltato e scritto tanto, seguendo sia la realizzazione dei Comunicati Stampa che la produzione degli articoli del Blog di VoipVoice per ogni singola tappa. 

I complimenti 

Ad ognuna non è mancata la presenza sul campo, per testare direttamente il servizio offerto e incontrare i partecipanti di persona. L’obiettivo era creare degli incontri business e professionali, ma dal clima informale, dove alla cura del singolo dettaglio si alternasse anche un momento di relax e networking. Ci siamo riuscite. I partecipanti sono stati a loro agio, una giornata gradevole e, ovviamente, interessante dal punto di vista lavorativo. 

Desirée ci dice: “Ci sono arrivati anche i complimenti per l’organizzazione e questo, ovviamente, fa molto piacere.” E i complimenti dei partecipanti sono arrivati anche a me che ero a Castellammare, così come a Claudia: “La cosa bella di organizzare eventi è il rapporto umano che si crea con le persone (invitati, fornitori ecc) e il bello è che li puoi incontrare più volte in contesti diversi.” 

Il secondo mandato

Ma quindi? Cosa dice la casa madre??? Siamo state all’altezza delle aspettative?

Beh, direi! Non abbiamo finito il primo che stiamo già organizzando il secondo tour!

I riscontri sono arrivati dopo ogni incontro e sono stati tutti estremamente positivi. Al punto che i VoipDays continuano in autunno, ancora organizzati da Inside Factory. Un nuovo giro d’Italia con noi dietro le quinte.


A cura di Giovanna Annunziata, Press & Communication in Inside Factory.

EnGenius Network: Inside Factory dietro le quinte del primo Partner Summit Europeo

Giovedì 24 maggio il team di Inside Factory era a Milano per “Visualize your Network”, il primo Partner Summit Europeo di EnGenius. E’ stato il primo evento lancio di EnGenius Network, dove sono state presentate le nuove tecnologie che rivoluzioneranno il mondo delle connessioni wireless.

C’eravamo anche noi, ma dietro le quinte, così come lo siamo stati durante tutte le fasi dell’organizzazione, per accompagnare il team di EnGenius in questo meraviglioso progetto.

Stanchi ma molto soddisfatti, vogliamo raccontarvi di questo evento, a metà tra la conferenza e la convention, un momento per incontrare i partner dell’azienda, per festeggiare i venti anni di attività, per presentare le nuove tecnologie di EnGenius, ma soprattutto per riprendere i rapporti umani. Era la prima volta che si realizzava in Europa, con circa 150 partner internazionali. Una bella sfida per EnGenius e anche Inside!

EnGenius chiama,  Inside Factory risponde

Dopo aver partecipato a numerosi eventi organizzati da Inside Factory, e aver ascoltato feedback positivi da chi si è rivolto a questa giovane azienda per i propri eventi, ho deciso di appoggiarmi a loro per il supporto all’organizzazione del primo partner summit di EnGenius Networks. Sia io che i miei colleghi, i partner italiani che quelli europei, abbiamo apprezzato la professionalità con cui lo staff di Inside Factory ci ha supportato in questo evento. Posso tranquillamente considerarmi estremamente soddisfatto”. È questo il commento di Andrea Albertini, Italy Country Manager di EnGenius Networks Europe B.V a seguito del summit.

Prima della giornata fatidica ci sono tutta una serie di attività pre-evento, che vanno gestite con il dovuto anticipo, come il recruitmet dei partner ospiti, l’allestimento della location e la formazione delle hostess. “Li abbiamo guidati e consigliati nelle diverse fasi organizzative – ci racconta Claudia, Sales Manager di Inside Factoryabbiamo seguito le attività di invito e contatto diretto con i partner. È una fase delicata che prendiamo molto a cuore: in quel momento si rappresenta il cliente ed è importante avere un atteggiamento professionale ma anche amichevole e umano, senza eccedere. Dobbiamo spiegare ai partner quelle che sono le caratteristiche principali dell’evento e dargli tutte le informazioni utili affinché arrivare all’evento sia per lui il più semplice e chiaro possibile.

La consulenza che ti consiglia

Il supporto di Inside Factory è stato un arricchimento umano e professionale. Il team si è interfacciato con il personale interno di EnGenius e con l’agenzia di PR che ci segue, e tutti hanno apprezzato la loro presenza.” continua Andrea “Da un punto di vista operativo, ci hanno supportato in molteplici attività, dalla formazione delle hostess all’allestimento ma non solo: Inside Factory ci ha fatto notare dei dettagli che altrimenti avremmo trascurato e ce ne saremmo accorti troppo tardi! Come, ad esempio, la scelta della musica!

La bussola in sala

Il primo Partner Summit Europeo di EnGenius prevedeva una scaletta canonica, con presentazioni, interventi e case history, senza far mancare i momenti informali di networking, dal pranzo al party serale.  Quando si partecipa da spettatori a un evento del genere, spesso si dà per scontato il naturale susseguirsi dei momenti, come se fosse una cosa così ovvia da sembrare automatica. Chi organizza eventi sa che questa naturalezza è il risultato di un lungo lavoro organizzativo alle spalle. Il lavoro c’è ed è tanto. Il convegno deve essere piacevole per chi partecipa, altrimenti diventa un sequestro di persona! Dare vivacità ai momenti, raccontare storie, creare interesse: ecco come si coinvolge! Tutto questo si è verificato giovedì e ne siamo davvero contenti!

Lavorare insieme ad Inside Factory è stato molto prezioso, non solo in tutta l’organizzazione pre-evento, ma anche il giorno stesso della convention. Desirée (Event Manager di Inside Factory) ha avuto molta padronanza della situazione, si è interfacciata con le hostess, con i relatori e soprattutto con noi responsabili, guidandoci nella scaletta, dandoci i tempi e riuscendo a gestire magistralmente tutte le piccole criticità che si sono verificate. È stata un supporto fondamentale.

Le parole di Andrea non possono che renderci felici e orgogliosi del nostro lavoro, poiché noi lo portiamo avanti con professionalità e passione, ci mettiamo del nostro e ci impegniamo al 100%.

Grazie quindi ad Andrea e ad EnGenius Network per aver scelto di collaborare con Inside Factory, ad maiora!

A cura di Giovanna Annunziata, Press & Communication in Inside Factory.

Conquistare clienti con la lead generation

Venerdì 15 marzo Alessandro Frangioni ci aspetta in casa Inside Factory, a Montelupo Fiorentino, Firenze, per parlare di Lead Generation con il Digital Marketing. 

Scopriremo come costruire delle campagne e strategie ed attirare l’attenzione di potenziali clienti. Il workshop si focalizzerà sui canali di digital advertising come Facebook Ads, Google Ads e l’e mail marketing.
Il corso è rivolto ad un massimo di 20 alunni ed è dedicato a professionisti ed aziende, ai responsabili marketing e social media manager.

Per partecipare, è possibile acquistare il biglietto qui

Mancano pochi giorni al corso e Alessandro ha chiarito per noi alcuni dubbi.

L’utente del web è sempre bersagliato da molti messaggi pubblicitari, come si fa ad attirare l’attenzione?
È vero, gli annunci e le inserzioni sono sempre più presenti durante le attività online e spesso oggi rischiamo di far apparire il nostro messaggio ma senza lasciare il “segno” e quindi rimanere impresso. Per questo la soluzione è essere differenti e puntare su messaggi più personali e meno generici. Le piattaforme di digital advertising sono sempre più complete e permettono di segmentare gruppi di persone molti ridotti, offrendo così il miglior annuncio che possa attirare la loro attenzione. Il segreto, se così possiamo chiamarlo, è questo: fare advertising più personale e meno generico. 

Facebook Ads e Google Ads possono davvero fare la differenza?
Sicuramente sono le piattaforme più performanti. Potremmo dire che l’una completa l’altra, o meglio l’una potenzia l’altra. Infatti analizzando i comportamenti che facciamo tutti i giorni online, le attività sono molte frammentate e coinvolgono interazioni multi-canale. Faccio un semplice esempio: quante volte notiamo un annuncio su Facebook e magari ci clicchiamo per poi ricercare su Google quello stesso prodotto qualche giorno dopo? L’uso intelligente di questi 2 canali permette davvero di entrare nel mercato e raggiungere potenziali clienti.

Quali sono i punti essenziali di una landing page.
Tanti e tutti specifici in base alla strategia e al risultato che ci aspettiamo. Potremmo dire che dobbiamo essere bravi a bilanciare: usabilità, design, funzionalità, copywriting, tracking. Sopratutto l’analisi dei dati sul comportamento delle persone sulla landing è fondamentale per correggere la landing e renderla migliore.

Cosa impareremo al tuo corso?
Sarà una bella full-immersion dove, toccando almeno 5/6 case-study in vari settori, scopriremo come impostare prima di tutto una strategia super-efficace anche con budget ridotti toccando Facebook Ads e Google Ads. Non mancheranno riferimenti anche all’email marketing e la Marketing Automation! Insomma un workshop molto pratico dove capiremo come creare la strategia migliore per lo sviluppo e la crescita del proprio business.

Se vuoi imparare a pianificare una strategia corretta di digital marketing non perdere il corso di Alessandro Frangioni. L’appuntamento è venerdì 15 Marzo a Montelupo Fiorentino!

Per partecipare acquista il biglietto qui.

Ritorna GDPR Day: da nord a sud per formare sul GDPR

Prossimi incontri a Torino (9 ottobre), Verona (18 ottobre), Bologna (19 ottobre) e Catania (23 ottobre).

Come promesso, tutto il team del GDPR Day girerà l’Italia da Nord a Sud per quattro nuovi appuntamenti. Porterà con sé un format dinamico e altamente formativo, con un programma di qualità eccellente, patrocinato dalla Commissione Europea. 

La conferenza sul GDPR ha già registrato quattro sold out nel tour primaverile (a Milano, Padova, Roma e Bari), e si è fatta notare dal pubblici per la qualità dei contenuti, l’alto livello dei relatori e un format vivace, che ha alternato momenti di formazione a momenti di networking.

I contenuti

I relatori esperti spiegheranno come adeguarsi al GDPR e cosa è cambiato dalla data del 25 maggio. Come raccogliere i consensi da parte degli utenti di un sito web. Come scrivere correttamente un’informativa Privacy. Quali sono i ruoli delle varie figure quali Titolare, Responsabile e sub-Responsabile. Come gestire la sicurezza dei dati in modo conforme al GDPR. Ancora, come fare backup e risolvere problemi di business continuity. Come affrontare un data breach e quali sono le vulnerabilità del fattore umano.

A questi e a tanti altri interrogativi risponderanno avvocati, consulenti di informatica forense, esperti di sicurezza e gestione dati, che faranno luce sulle diverse zone d’ombra in tema privacy. Interverranno: l’Avv. Massimiliano Nicotra, l’Avv. Adriana Augenti, l’Avv. Federica De StefaniMonica Dossoni, Consulente Privacy, Paolo Dal CheccoConsulente Informatico Forense. Inoltre, ci saranno le aziende sponsor che presenteranno soluzioni e servizi a supporto delle imprese, come: SISECO, Netwrix, DigiTree, Achab.

Ai partecipanti verranno consegnati il materiale didattico della giornata e l’attestato di partecipazione.

Attualmente i biglietti sono in sconto del 50%, grazie all’offerta Super Early Bird. Per riservare il proprio posto: www.gdprday.it/registrazione/

GDPR Day 2018: buona la prima! Nuovo successo in casa Inside Factory

Non possiamo che ritenerci molto soddisfatti della prima giornata! – Commenta il fondatore Federico Lagni di AreaNetwoking.it  –  Abbiamo ricevuto molti complimenti, in particolare sui contenuti di alto livello, grazie alla presenza di relatori esperti. Il format innovativo, dal ritmo vivace e dinamico, ha favorito il buon esito della prima giornata. Ora siamo già pronti per la tappa di Padova, mercoledì prossimo. Per poi proiettarci a maggio a Roma e Bari.

Il primo appuntamento aveva annunciato il sold out già due settimane prima dell’evento, con 105 partecipantipiù di 10 interventi e altrettanti relatori esperti. Dopo Milano, anche la tappa di Padova del 18 aprile ha già registrato il tutto esaurito. Il GDPR Day 2018, la conferenza dedicata al GDPR che sta facendo il giro dell’Italia e, a giudicare dai feedback, è già un caso di successo. Con appuntamenti a Milano, Padova, Roma e Bari, la conferenza è la principale risposta a tutti i dubbi sul GDPR.

La conferenza è un momento utile di informazione per chi vuole conoscere di più sul GDPR che, a conferma dell’alto valore, ha ricevuto il patrocinio della Commissione europea. E non solo formazione. Altrettanto prezioso il networking, grazie ad un format innovativo, caratteristico della conferenza, dall’inizio fino alla tavola rotonda finale, il momento dedicato alle domande a ruota libera per i relatori. In aggiunta, la giornata diverse pause, come coffe break e lunch, per favorire dei momenti informali tra i partecipanti.

Ora è la volta di Padova, Roma e Bari.
Il prossimo appuntamento è a Padova il 18 aprile. Tra i diversi interventi, i partecipanti potranno seguire anche le indicazioni della Guardia di Finanza, grazie alla partecipazione del Ten. Col. Antonio Luciani, Comandante del I Gruppo Tutela Entrate del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Venezia, che interverrà su: “Il trattamento dei dati personali e la tutela della privacy nelle verifiche fiscali della Guardia di Finanza”.

Per chi non è riuscito a garantirsi il posto alle prime due tappe, può partecipare al GDPR Day Roma o Bari. Attualmente, sono ancora disponibili i biglietti Early Bird per queste due date. Per tutte le informazioni: https://www.gdprday.it/