Articoli

Inside Factory 2.0: il nostro know how al fianco delle imprese

Anno nuovo, vita nuova ed Inside Factory non è da meno. E così, dopo aver ragionato un po’, Inside Factory presenta i suoi servizi per imprese e professionisti!

Tutto è partito dai nostri partner, diverse aziende ci hanno scelto per accompagnarle in alcune attività e così abbiamo pensato. Perché non mettere a disposizione quello che sappiamo fare meglio?

Questo è il nostro business. Un’agenzia di comunicazione, marketing organizzazione di eventi business e formazione. Cosa abbiamo in più rispetto ad altre agenzie? Non ci limitiamo alla mera esecuzione del comunicato stampa o della segreteria – certo, sappiamo fare anche quello – ma, in più – realizziamo un
contenuto che va oltre, che è capace di emozionare, di raccontare una
storia
, di coinvolgere.
La principale caratteristica di Inside non è solo la capacità di comunicare ma di comunicare sempre emozioni. Cosa molto difficile se pensiamo alle aziende della tecnologia, IT e ICT, ma altrettanto impossibile se pensiamo al GDPR o alla fatturazione elettronica. Eppure, come dimostrano i nostri progetti, noi ce l’abbiamo fatta. Quanto può emozionare una direttiva UE
oppure quanto può emozionare un router? Inside Factory riesce laddove altri avrebbero la sindrome del foglio bianco.

Comunicare non è da tutti

Lavoriamo a stretto contatto con il settore IT e ci siamo resi conto che molte aziende non sono strutturate con un ufficio comunicazione interno, per mille ragioni: non è core business, non ne hanno le forze, non c’è una struttura adeguata, viene sottovalutata o, peggio ancora, viene delegata allo stagista inesperto o alla segretaria/centralinista/assistente, che tra le mille attività, arrangia quel che può. Da situazioni del genere escono e mail sformattate, siti internet statici, pagine social aggiornate al 2015… un pessimo biglietto da visita, che è meglio eliminare del tutto.

Insomma, la comunicazione viene data sempre per scontata, ma non è scontato che venga fatta bene.

Comunicazione per tutti

Inside Factory possiede il know how per fare un’ottima comunicazione. Inside può offrire alle aziende un ufficio esterno di comunicazione, marketing e organizzazione eventi. Capace di seguirne l’intero processo, dalla gestione delle newsletter all’organizzazione di grandi eventi.

Inside
Factory offre alle aziende un servizio su misura, adatto alle esigenze del cliente. Ecco cosa sappiamo fare bene.

Partiamo dalla comunicazione. La comunicazione è la chiave del business! Un’azienda che non comunica, non esiste! Ma attenzione, una comunicazione sbagliata può danneggiare la propria reputazione e la propria credibilità! Inside Factory offre un supporto per la comunicazione strategica e ufficio stampa,
ci occupiamo dei social network, delle DEM e newsletter. Nonché di articoli, interviste e publiredazionali.

Organizziamo eventi business. Che siano seminari, workshop, tour, convention, o qualunque altro incontro, possiamo seguire l’azienda dall’ideazione del  format e dei contenuti fino alla gestione dei fornitori o degli iscritti.

Organizziamo corsi di formazione per aziende. Sebbene gli esami universitari siano terminati da un pezzo, non manca mai la necessità di imparare. Inside Factory offre corsi ad hoc per le aziende, con un taglio pratico. Su questo aspetto abbiamo in serbo una grande sorpresa, per ora diciamo solo il nome… Digital Inside!

In concomitanza con il Capodanno cinese diamo il via ai nuovi servizi di Inside Factory, diciamo un Inside Factory 2.0.

Contattateci per saperne di più!

Stay tuned!

Inside Factory non chiude mai!

Anche ad agosto il team di Inside Factory è sempre operativo e sta preparando per voi un autunno ricco di sorprese!
Gli appuntamenti, virtuali o dal vivo, in chat o sul web sono tanti e su mille argomenti, ecco il riassunto delle puntate precedenti. E per chi non vuole rimandare nessun incontro, il team è sempre presente nelle Community Telegram!

Si parte a settembre con DUE cicli di webinar gratuti! Smart Working Day Web Learning e GDPR Day Web Learning. Sulla scia dei due tour ormai da mesi in giro per l’Italia, sono nate anche le versioni webinar, da poter seguire GRATIS comodamente dal proprio ufficio o – per chi è smart worker – da dove gli pare.

Basta solo registrarsi:  Smart Working Day Web Learning, dal 21 settembre al 4 ottobre. GDPR Day Web Learning, dal 17 al 21 settembre.

I tour autunnali

Smart Working Day – Masterclass

Ad ottobre riprende dal vivo il tour di incontri mirati a conoscere da vicino l’universo del lavoro agile. Skills, tools, suggerimenti, condivisioni di best practices, case histories e scenari futuri con esperti del settore e manager di grandi aziende: un’occasione per andare alla scoperta dello Smart Working e delle sue molteplici declinazioni. Smart Working Day – Masterclass è rivolto a responsabili delle risorse umane, HR experts, IT e Facility Manager e coloro che desiderano attivare lo Smart Working nella propria azienda, crescere e sperimentare il cambio di paradigma. Lavoratori interessati all’adozione di un modello lavorativo di rottura proficuo e redditizio, che credono nel cambiamento e che saranno gli Smart Worker di domani.

Qui tutte le date:

  • 30 Ottobre Roma
  • 6 Novembre Milano
  • 14 Novembre Padova
  • 15 Novembre Bologna

GDPR Day 2018

Dopo aver realizzato sold out in tutte le prima tappe del tour, il team di Inside Factory insieme allo strepitoso team di AreaNetworking.it ritorna con nuovi appuntamenti del GDPR Day 2018, le conferenze dedicate al General Data Protection Regulation. Il GDPR Day è una risposta concreta e formativa alle molteplici richieste da parte delle aziende di avere un approfondimento sul tema, con un focus dettagliato e specifico sulla Privacy e Sicurezza dei dati aziendali. Ogni conferenza si svolge in una giornata in cui si discuterà quali sono le principali problematiche che dovranno affrontare le aziende e quali sono gli strumenti e soluzioni specifiche per essere conformi ai requisiti.

Qui tutte le date:

  • 9 Ottobre – Torino
  • 18 Ottobre – Verona
  • 19 Ottobre – Bologna
  • 23 Ottobre – Catania

Per chi ha fretta di ricevere informazioni su un tema così delicato, può iscriversi gratuitamente alla Community – GDPR Day su Telegram: https://t.me/gdprday. Qui troverà i relatori esperti del GDPR Day per chiarire ogni dubbio.

Fatturare Digitale 2018

Dal sodalizio professionale con AreaNetworking.it è nato un altro format che si terrà a novembreFatturare Digitale 2018, un tour nazionale di conferenze formative, rivolte alle imprese, per rispondere alle tante domande teoriche e pratiche sulla fatturazione elettronica. Ogni incontro punta a fornire chiari e pratici contenuti formativi, per offrire ai partecipanti gli strumenti giusti per allineare i processi aziendali e i sistemi IT all’obbligo legislativo a decorrere dal 1° gennaio 2019.

Qui tutte le date:

  • 21 novembre – Vicenza
  • 22 novembre – Bologna
  • 27 novembre – Milano
  • 29 novembre – Roma

Insomma il team di Inside Factory sta preparando per voi un autunno ricco di incontri, virtuali o dal vivo. Riposate e fate il pieno di energia, perchè noi siamo già carichi!

Vi aspettiamo!

Cosa abbiamo imparato dallo Smart Working Day 2018?

Resoconto sul tour nazionale che ha messo in chiaro una volta per tutte come funziona il lavoro agile.

Intervista ai tre fondatori in attesa del nuovo format di ottobre.

Chi vuole approfondire l’argomento smart working in Italia non deve far altro che chiedere agli organizzatori dello Smart Working Day, il tour di conferenze che da circa due anni gira lo Stivale da nord a sud, per approfondire e spiegare al meglio cos’è il lavoro agile. Nelle otto tappe gli organizzatori hanno affrontato ad uno ad uno tutti i suoi aspetti, supportati da relatori e dai numerosi casi di ispirazione, delle aziende private o enti pubblici smart.

Non semplici chiacchiere per seguire una moda del momento, ma veri incontri di formazione e informazione per i lavoratori e le aziende che vogliono importare questo nuovo approccio al lavoro. Un’impresa ardua, perché è necessario scardinare dei pilastri dell’attuale cultura lavorativa, radicata da oltre un secolo nel nostro modo di concepire l’organizzazione aziendale. Ancor più dura se si considera che lo smart working è un approccio molto giovane in Italia e lo scotto da pagare sono le numerose banalizzazioni, zone grigie e concezioni errate.

Ora è il momento di una piccola pausa per il tour e i tre organizzatori tirano le somme sui lavori svolti. Li abbiamo intervistati per sapere come viene percepito lo smart working in Italia oggi, quali sono state le loro impressioni, le luci e le ombre che derivano da questo faccia a faccia con la platea sempre più interessata all’argomento.

Smart Working Day 2018: si conclude la seconda edizione. Ora diamo i numeri: quanti partecipanti avete avuto e chi sono esattamente?  

“Queste tre tappe del 2018 sono il seguito del precedente tour del 2017 che, sommandole, ci ha permesso di raggiungere ben 7 città italiane contando ben 1.410 iscritti. Per noi è stato un grande successo da raccontare. L’attenzione decollata fin dalla prima tappa ci ha fatto notare la varietà di figure professionali che accomuna l’interesse al tema, molto sensibile e di impatto.” – Samuel Lo Gioco, formatore e Managing Director di Inside Factory, nonché smart worker per eccellenza.

C’è una reale consapevolezza del concetto di smart working oppure c’è ancora confusione? Sono emerse delle zone grigie durante il tour?

“C’è tanta, troppa confusione che – a mio avviso – penalizza la diffusione stessa dello Smart Working. Spesso l’avvio di un progetto Smart Working combacia con dare la possibilità alle persone (in toto o in parte) di lavorare da casa. Seppur possa sembrare un grande segnale di apertura dell’azienda nei confronti delle proprie persone, ci sono una serie di aspetti più importanti che vengono tralasciati. “Abbiamo le tecnologie che ci permettono di collaborare da remoto e in mobilità?”; “Soffriamo di attacchi isterici se non abbiamo più il controllo delle nostre persone?” Queste e tante, tante altre domande devono precedere la remotizzazione del lavoro. Il tour ci ha permesso di sfatare alcuni miti, dialogare con persone e aziende, scoprire nuove esperienze e – per fortuna – conoscere tanti professionisti pronti a innovare. – 

Andrea Solimene di Seedble, consulente sulla tematica con un’importante esperienza internazionale.

Alla fine del percorso, quali vantaggi ha un’azienda che sceglie lo smart working? Durante il tour ci sono state testimonianze di aziende o lavoratori “felici”, qualche esempio interessante?

“Durante il tour ho incontrato molte aziende che hanno introdotto lo smart working e solo una che ha parlato apertamente di felicità, Evermind per essere preciso. Questo non significa che le altre aziende non tenessero alla felicità dei propri dipendenti ma un conto è considerare la felicità come un valore, ad esempio all’interno della cultura azienda, e un altro è sentirla passivamente come riflesso di un cambiamento della modalità di lavoro o di una serie di iniziative. La felicità al lavoro è un tema che avrebbe bisogno di un contesto a parte ma è, a mio parere, un valore fondante per una vita piena e un lavoro appagante.” Commenta Giovanni. –Giovanni Battista Pozza di Be Happy Remotely, il nomade digitale per eccellenza

Ora ritorniamo a Samuel, dove sta andando lo Smart Working Day? In autunno ci saranno altri appuntamenti in tutta Italia? Altre anticipazioni?

“Lo Smart Working Day non può fermarsi qui, è un impegno che dobbiamo mantenere verso le tante persone che ci seguono. Oggi questo progetto è diventato un punto di riferimento per aziende e professionisti sul tema Smart Working in Italia, quindi è nostro dovere restare fedeli all’impegno e continuare. Adesso il progetto prende un’altra forma, andando ancora più sullo specifico, per fornire contenuti sempre più concreti ed utili a quelle organizzazioni che sono intente a implementare lo smart working. Continueremo nel secondo semestre con un tour di 4 tappe: Roma 30 ottobre, Milano 6 novembre, Padova 14 novembre e Bologna 15 novembre. Questo nuovo tour sarà una pura giornata di formazione “full immersion”, verrà rilasciato l’attestato di partecipazione con l’intero materiale didattico. Insomma, abbiamo parlato di quanto possa essere positivo in termini di benessere di lavoro e produttività, ma adesso vogliamo concretamente cambiare l’organizzazione nelle imprese italiane diventando concretamente un propulsore al cambiamento.”

Quindi per ora lo Smart Working Day prende una piccola vacanza per, come direbbe Samuel, “rigenerarsi”. Ritornerà in autunno con un nuovo format, ancora più operativo e formativo, dedicato alle figure aziendali, come i responsabili HR, che hanno il compito di rimboccarsi le maniche per attuare in maniera strutturata lo smart working.

Per chi è interessato a conoscere il futuro del mondo lavorativo non resta che iscriversi alla newsletter: info@smartworkingday.it

 

Lavoro smart, la serenità da casa, come e quando voglio.

New entry in Inside Factory: Giovanna Annunziata

Sono solo sei mesi che sono nel team di Inside Factory e mi sembra di esserci da una vita. Ma partiamo da chi sono e cosa faccio. Sono Giovanna, napoletana, laureata in Scienze Politiche e Comunicazione. Appartengo alla generazione X, quella che ha visto nascere i social network, quella che cavalca l’onda dell’innovazione tecnologica, pur ricordando quando non era tutto connesso. Quella dell’identità europea dell’Erasmus – infatti ho studiato un anno a Parigi- ma anche quella dei cervelli in fuga, sebbene il fenomeno non si limiti alla mia generazione. Ma io ho deciso di non partire, o almeno ci provo. Adoro viaggiare, visitare posti nuovi, imparare nuove culture e nuove lingue, ma le mie radici sono qui. Tutto molto bello, ma per farlo serve il lavoro. Ho una laurea che molto ironicamente viene definita “scienze delle merendine”. Ci rido su, senza offendermi, magari non tutti comprendono quello che faccio, anche perché negli ultimi 10 anni, con l’esplosione dei canali di comunicazione, sono nati tanti nuovi lavori. Evviva!

Finiti gli studi nel 2009, inizio a lavorare come addetta alla comunicazione, in particolare per il settore dell’organizzazione di eventi di tecnologia. E da lì non mi muovo più, letteralmente! Pian piano, le modalità di lavoro cambiano. Grazie all’innovazione tecnologica, riesco a gestire la comunicazione dei progetti dal pc, da casa o da dove voglio, per eventi a Milano, Padova, Verona, Roma, Bari, Firenze… I tempi sono autogestiti. Il controllo? Ovvio, basta vedere se il risultato (quello ben fatto) c’è o non c’è. E se non c’è o non è ben fatto, mi tocca rifarlo, quindi meglio farlo subito bene! Colleghi, clienti e chiunque altro sia coinvolto sono sparsi in tutta Italia o anche all’estero.

Durante gli eventi di lavoro, incontro Samuel Lo Gioco che darà un nome e un’organizzazione a tutto questo: smart working. Certo che sì, mi piace! Una modalità di lavoro in cui mi rispecchio al 100%. Servono buona padronanza degli strumenti informatici, un pc e un’ottima connessione (certo anche il caffè, ma quello è necessario a prescindere). Niente traffico, niente mezzi pubblici, niente pause vuote. Non mi capita mai di guardare l’orologio sperando che arrivino le 18:00. Il tempo è mio e per me è prezioso, mi conviene gestirlo bene.

Con Inside Factory curo diversi progetti, tra questi seguo la comunicazione dello stesso Smart Working Day, nella convinzione che questo nuovo modo di lavorare possa essere un’opportunità concreta per chiunque lo voglia. Penso alle mamme e alle donne poste di fronte a quell’odioso bivio, come se fosse obbligatorio scegliere. Penso a tutti i miei coetanei che sono lontani perché era necessario partire.  Ora, dopo soli sei intensissimi mesi, proseguiamo con la nostra mission e abbiamo in cantiere tanti altri progetti.

In Inside Factory ho incontrato un team di coetanei, vivaci, smart e… cosa per nulla scontata, sereni! Viviamo in città diverse, ma riusciamo a coordinarci, abbiamo esigenze diverse ma riusciamo a rispettarle tutte. Poi ci vediamo ai meeting aziendali nella nostra sede supertecnologica a Montelupo Fiorentino, che rispecchia in pieno il nostro modo di concepire l’impresa: tanto verde, tanta luce (il tetto è tappezzato di pannelli fotovoltaici!), wifi ovunque, uffici open space o con porte trasparenti, perché i muri e tutto ciò che è chiuso ci mette tristezza! E poi una cucina e area relax (sic!). Qui – una volta finito di lavorare- posiamo tutti i cellulari e pc, per goderci insieme una bella cena, con buon vino e tante risate!

Il futuro? Chissà! Per ora vedo che questa modalità di lavoro mi permette di equilibrare al meglio tutte le mie esigenze e se ne avessi di nuove, non sarebbero un grosso problema. Il lavoro mi piace, mi soddisfa, mi appassiona.

E se fosse questa la chiave per la felicità?

People Hub Connected 2018: diario di bordo.

#PHC2018, Io c’ero.

 

Al People Hub Connected 2018, io c’ero, ed è un onore, e un onere, raccontarvelo. Un onore perché il meeting annuale di Inside Factory è stato un momento emozionante, di grande entusiasmo. Si respirava quel fermento che caratterizza le idee vincenti, i momenti di svolta. Un onere perché, insomma, se non fai sinestesie come fossi Montale, non è così facile trasmetterlo.

Un momento fortemente voluto dal board di Inside Factory e in particolare da Samuel Lo Gioco, poliedrico fondatore del brand insieme ai soci. L’obiettivo quello di dare a tutti i collaboratori la possibilità di conoscere l’azienda e chi contribuisce al suo successo. Una scelta vincente perché, il People Hub Connected 2018 è stato davvero un momento di connessione. Con il luogo anzitutto, con l’azienda, ma anche fra i collaboratori. E sui progetti che vengono portati avanti con passione e innovazione.

La location

Con il luogo perché la sede è parte integrante della vision del gruppo. L’edificio che ospita la sede delle aziende del gruppo è una struttura di recente costruzione… non ancora inaugurata – perdonate lo spoiler e non ditelo al capo! Un luogo in cui si respira innovazione e significanza, simbolicamente circondato da una rete che vuole rappresentare il Web, ma anche il network di connessioni così importanti nelle attività del gruppo. Un luogo moderno, sostenibile grazie all’impianto fotovoltaico che lo rende autosufficiente, bello a vedersi e a viversi, dove i professionisti possono incontrarsi e creare sinergie.

L’azienda

Connessione con l’azienda, raccontata fra il serio e il faceto da chi la guida. Un racconto a tratti toccante che è partito dall’estate del 2016, il momento della nascita, per poi narrare il forte sviluppo del 2017, grazie principalmente all’organizzazione di Eventi e la Formazione. Ma soprattutto arrivando ai progetti del 2018.

Vogliamo diventare una fra le più importanti Web Agency a livello nazionale, e intendiamo riuscirci anche grazie alle nuove prestigiose collaborazioni instaurate.

Questa l’ambizione di Samuel Lo Gioco che ha appunto colto l’occasione del meeting per presentare il network di professionisti che contribuiranno alla crescita di Inside Factory, fra cui web designer, marketer, grafici, esperti in comunicazione e tanto tanto altro. 27 persone, per lo più smart worker, a testimonianza dell’estrema flessibilità e modernità della realtà toscana. E infine gli eventi, che stanno portando in giro Inside Factory per iniziative di grande successo e in continua crescita.

I progetti

#SmartWorkingDay

Innanzitutto lo Smart Working Day sviluppato in collaborazione con Giovanni Pozza di Be Happy Remotely e Andrea Solimene di Seedble, con il supporto dell’avvocato Sergio Alberto Codella dello studio Boursier Niutta & Partners (foto). Un tour per parlare di lavoro agile e come e perché implementare un progetto di smart working. Ormai emerso come l’evento sul tema più importante a livello nazionale, lo Smart Working Day è in tour con le prossime tappe del 2018, a Torino il 10.05, Milano il 21.05 e a Firenze il 5.06, e con oltre mille iscritti alle cinque tappe realizzate nel 2017.

#Think4Web

Ma durante il People Hub Connected 2018 si è parlato anche di Think4Web, la tre giorni di formazione pratica su strategie di Web Marketing e campagne di advertising on-line, in tour per l’Italia per tutto il 2018. Sviluppata con il supporto di uno dei maggiori esperti in Italia sulla tematica, Alessandro Frangioni di Roads, Think4Web ha un focus importante sull’esperienza pratica, un approccio mancante nel mondo della formazione sul Web Marketing. Un format quindi destinato a portare grandi risultati, con due tappe a Venezia e Firenze già all’attivo, una terza in programma a Milano dal 7 al 9 maggio, e altre ancora in fase di organizzazione.

#GDPRDay

Last but not least, il GDPR Day, l’evento anch’esso itinerante, per formare e informare su una tematica delicata quale quella della protezione dei dati. La prima Conferenza italiana con focus esclusivo sulla GDPR (General Data Protection Regulation), partirà da Milano l’11 aprile e arriverà a Bari il 17 maggio, passando per Padova (18.04) e Roma (15.05). Organizzata da Inside Factory in collaborazione con Area Networking di Federico Lagni, il GDPR Day ha un approccio diverso, un focus formativo con contenuti di grande qualità, speaker esperti e sponsor importanti, per fare, davvero, chiarezza su cosa chiede l’UE in merito.

Grandi successi quindi, e grandi ambizioni per il People Hub Connected 2018. Un luogo, ma anche una vision che non potrà che portare grandi soddisfazioni a tutti coloro che ho visto essere lì, crederci e investirci. Un momento quindi destinato a ripetersi e, sono certa, la prossima volta saremo ben più che 27. Stay tuned!

People Hub Connected 2018

Ed eccoci qua, tutto lo staff di Inside Factory, i collaboratori e i supporter!

Prende il via Think4Web, 3 giorni di formazione sul web marketing per 3 tappe: Venezia, Firenze, Milano

Al via Think4Web, il corso formativo, intensivo e pratico sul web marketing. La prima tappa è a Musile di Piave, in provincia di Venezia, presso la sede di Kubee. Il corso vede la partecipazione di professionisti e operatori nel settore Web Marketing, attenti ai preziosi consigli del nostro esperto marketing, Alessandro Frangioni, in cattedra per la tre giorni.

Gli argomenti principali sono: Lead Generation, E-Commerce, Brand e Fidelizzazione. L’obiettivo è riuscire a strutturare e analizzare le strategie di web marketing, ottimizzarle fino a raggiungere risultati straordinari con le proprie campagne.

Conclusa la tappa di Venezia, sarà la volta di Firenze, 5-6-7 aprile, e Milano, 7-8-9 maggio. Ogni tappa è strutturata come un vero corso in aula: i posti disponibili sono solo 20, al termine saranno dati ai presenti le dispense sui temi trattati e l’attestato di partecipazione. Ci sarà anche un bonus: una copia del libro “Email Marketing con Mailchimp” di Alessandro Frangioni.

Per chi saperne di più su come partecipare alle prossime tappe: www.think4web.it.

Aspettando lo Smart Working Day: intervista a Giovanni Battista Pozza

Lavoro e felicità, un binomio impossibile? Non per Giovanni Battista Pozza, imprenditore con la passione per il business digitale e l’innovazione. Ma soprattutto uno dei maggiori esperti al mondo di felicità al lavoro.

Perché sì, si può, anzi si deve essere felici, soddisfatti e appagati sul posto di lavoro. Non è un’utopia ma un obiettivo da perseguire, una ricerca che ha portato Giovanni a essere felice da remoto, ad arrivarci attraverso un percorso all’insegna dell’innovazione e del nomadismo digitale.

Giovanni Battista Pozza

Una vita divisa tra tecnologia, design e innovazione, la sua: sarà lui uno degli speaker protagonisti dello Smart Working Day di Roma. Domani, nel corso della giornata di approfondimento e di focus mirati per conoscere da vicino l’universo legato al lavoro agile, Giovanni racconterà come il remoto sia un vantaggio e non un limite. E come sia possibile riuscire a LAVORARE MEGLIO DOVUNQUE, ED ESSERE FELICI AL LAVORO.  

 

 

Lo smart working è il ribaltamento degli schemi, dello stile di vita personale ma anche lavorativo. Giovanni, tu hai completamente rotto con le convenzioni, ripensato il tuo modo di vivere e di lavorare. Quando si è cominciato a parlare di smart working ci hai visto un potenziale, hai deciso di sfruttare questa filosofia per creare un nuovo modello di business. Da dove sei partito?

Sono partito 3 anni fa, quando ho iniziato a lavorare sulla felicità al lavoro e sulla felicità in generale, su quella degli altri. Inevitabilmente ho lavorato sulla mia. Ho iniziato a cambiare prospettiva, sono cambiati i rapporti di lavoro, quelli interpersonali. Lavorare sulla felicità permette di toccare tanti aspetti della vita, le priorità diventano altre, al centro dell’attenzione ci sono il benessere, la qualità della vita, delle relazioni. E’ questo che mi ha fatto “scattare”. Le competenze guadagnate negli anni mi sono servite ad affrontare questo passaggio, come fossero tessere di uno stesso puzzle da completare.  Lavorare da remoto mi rende felice, mi ha cambiato l’esistenza, ne ho guadagnato in benessere!

Ami la semplicità nella vita e l’agilità nel lavoro: per questo ti troviamo sempre online ad aiutare team e aziende a lavorare meglio da remoto. E’ quello che fai con Be Happy Remotely, di cui sei Coach e founder.  Qual è il tuo ruolo? Come si struttura una tua giornata tipo?

Be Happy Remotely

Lavoro dove voglio, questo è il presupposto. Ci sono luoghi che preferisco, tipo stare in mezzo alla natura, all’aria aperta, stimola la creatività! Mi piace soprattutto quando devo lavorare sulle relazioni. Le mie apparizioni di persona sono rare, ho completamente eliminato l’offline portando tutto sull’online. La mia giornata tipo? Mi sveglio presto, faccio yoga o meditazione, porto fuori i cani, decido dove passerò la mia giornata lavorativa in base alle attività da svolgere: in casa, in ambienti di coworking, ho i miei posti del cuore. Generalmente lavoro fino alle 19 e il weekend il mio mobile è rigorosamente in modalità aereo. No alle mail nel fine settimana!

Tu e lo Smart Working: come vi siete conosciuti?

La spinta più grossa l’ho avuta quando sono entrato a far parte del team di Happy Melly: ci sono guru a livello mondiale di metodologie nuove di gestione aziendale, agilità e felicità al lavoro.  Certi modelli di apprendimento hanno cambiato la mia prospettiva sul lavoro: non si parla di smart working, si fa! In quel contesto ho toccato con mano la bellezza del lavoro smart e delle relazioni che si possono avere con persone che in realtà non si sono mai conosciute.

Happy at work!

Hai fondato un manifesto di 12 principi per l’innovazione di prodotti e servizi attraverso l’innovazione sulle persone. Ce ne vuoi dire al volo un paio?

Prima vi spiego perché l’ho fatto. Siamo tutti sempre molto concentrati sui processi o sugli aspetti tecnici del lavoro.  A fare la differenza invece sono i valori, la collaborazione, il rispetto, l’onestà, anche tra colleghi. L’innovazione sui prodotti e sui servizi la fanno le persone, passa attraverso le persone: se le metti in un ambiente agevole rendono molto di più, un pensiero, questo, confermato da molte ricerche. Un contesto di crescita e un ambiente di lavoro felice (uno smart office) aiuta certamente a mantenere alto il livello di benessere. Il digitale non per forza è sinonimo di “attività pesante che non ti fa staccare gli occhi dal pc”. Se metti in atto le strategie giuste non perdi tempo e non sei oberato dal lavoro.  Chiunque in azienda può applicare questo metodo, basta focalizzarsi sulle persone e darsi il tempo di riflettere senza stressare se stessi e gli altri. 

Smart Working Day Roma 2017: -1. L’evento è alle porte!  Dacci un buon motivo per partecipare…

E’ importante esserci perché l’ approccio allo smart working, come raramente succede, è a 360 gradi. Andremo sul pratico, sui fatti e non sulle parole. Cercheremo di tenere in considerazione la tecnologia, aspetto fondamentale se di lavoro agile si parla. Non mancheranno approfondimenti sulla cultura aziendale.

“Come essere un team collaborativo e produttivo da remoto” è il titolo del tuo intervento. Ci vuoi dare una piccolissima anticipazione?

Le persone possono collaborare ed essere produttive da remoto come se fossero in ufficio. Un ambiente di lavoro smart e flessibile rende la tua azienda più attraente. Parlerò di come adottare un modello di lavoro smart dove le persone sono performanti anche da remoto. I miei workshop insegneranno a lavorare meglio e a creare il giusto spirito di squadra.

L’Italia è fanalino di coda dell’Europa: ora che il lavoro agile è stato ufficialmente riconosciuto e regolamentato credi che sarà più facile “compiere il grande salto”? Il 2018 sarà l’anno della svolta?

A livello culturale c’è ancora molto da fare. Non basta la legge, che ha sicuramente aiutato: lo scatto deve essere culturale. Il prossimo potrebbe essere l’anno giusto, il problema è che se da una parte ci sono moltissime persone che vorrebbero lavorare da remoto, dall’altra ci sono altrettante aziende che questa tipologia di lavoro non la stanno offrendo. Ci sono imprenditori sfiduciati, delusi, convinti che la strada dello smart working non sia percorribile.  La volontà c’è soprattutto da parte delle nuove generazioni ma trova subito un muro. Che va abbattuto!

Cos’è lo Smart Working per te?

In una parola, opportunità. Di poter introdurre un nuovo modello di lavoro in grado di semplificare, di incentivare il worklife balance e contribuire ad un miglioramento generale della società.

E a proposito di felicità al lavoro, stai davvero facendo i bagagli per trasferirti in Costa Rica?

A breve mi trasferirò con la mia famiglia dall’altra parte del mondo. Per fare questo sto portando tutto il mio business online. Prima però, tappa obbligata all’Isola del Giglio!

Domani saremo a Roma, poi lo Smart Working Day Tour prosegue con altre 3 tappe in tutta Italia.

Scegli la tua città e iscriviti!

 

A cura di  Ylenia Cecchetti

Smart Working Day 2017: buona la prima

Cormano, 5 luglio. Siamo alle porte di Milano, il caldo si fa sentire: è il giorno dello Smart Working Day 2017. La sfida era riuscire ad intercettare un buon numero di persone interessate all’argomento, condividere con loro una giornata di formazione, farlo in modo non convenzionale (come nelle corde di Inside Factory) ed offrire strumenti pratici, concreti che andassero oltre i numeri e le parole. Esperimento riuscito! Ben 83 iscritti, circa 50 partecipanti ed una “edizione zero” che ha riscosso un notevole successo andando oltre le aspettative.  Si può dire: buona la prima!

 

Nello spazio di coworking di InCOWORK e Corefab nomadi digitali ed aspiranti tali,  freelance workers e manager aziendali si sono dati appuntamento per scoprire vantaggi ed opportunità del lavoro agile. Focus sul coworking, sul worklife balance e sulla collaboration grazie a workshop mirati e testimonianze dirette.

Dopo una prima introduzione curata da Samuel Lo Gioco, Managing Director di Inside Factory, su quelli che sono stati i “pointbreak”, i momenti di rottura, che nella storia hanno comportato una svolta e un’innovazione tecnologica, l’analisi si è poi concentrata sul lavoro agile a 360°.

 

Federico Bianchi, CEO di Smartworking Srl, ha analizzato come deve cambiare la struttura organizzativa aziendale affinchè lo Smart Working possa essere implementato in maniera efficace all’interno dell’azienda stessa, mentre Samuel Lo Gioco ha spiegato le skills comportamentali che uno Smart Worker deve avere per poter essere considerato tale e per portare benefici sia a se stesso che all’impresa: lavoro per obiettivi, gestione efficace del tempo, suddivisione dei compiti, collaboration.

 

Importanti Smart Workers sono stati protagonisti del Salotto Live, professionisti e aziende strutturate che hanno già fatto il grande salto ci hanno raccontato la loro rivoluzione professionale.

Rivoluzione, appunto. La parola chiave della nostra giornata. Lo smart working è un’opportunità, una rivoluzione culturale, il ribaltamento delle abitudini e degli schemi, dello stile di vita personale e ovviamente lavorativo.

Non cambierai mai la tua vita finché non cambierai qualcosa che fai tutti i giorni.”

(Mike Murdock)

 

Abbiamo ascoltato storie di chi ha completamente rotto con le convenzioni, ripensando il proprio modo di vivere e di lavorare, sposando in toto la filosofia dello smart working. Giovanni Battista Pozza, CEO di Be Happy Remotely, ha fatto del “mondo” il suo ufficio, eliminando l’offline e basando il proprio business esclusivamente sull’online.

Hanno parlato a cuore aperto imprenditori di successo; chi per sé stesso, come Pietro Cotrupi, fondatore del franchising inCOWORK, chi per la propria azienda, come Marco Scorti, HR Business Partner Manager di Siemens Italia, in comune hanno trovato il coraggio di rompere col modello organizzativo tradizionale.

E ne hanno guadagnato in benessere e produttività. Non a caso, Siemens Italia è attualmente considerata un “modello” per tutte le aziende che vogliono introdurre concretamente il lavoro agile.

Ma quanto ci fa paura cambiare?

La rivoluzione non è più il cambiamento, è la velocità del cambiamento”. Lo ha sostenuto Sergio Zavoli, giornalista, scrittore e politico italiano aprendo di fatto un dibattito nel dibattito: l’importanza delle tempistiche. Ogni passaggio se porta al cambiamento non può, non deve essere troppo lento. Ma, anzi. Rock!

Il momento di spingere sull’acceleratore è ora. Ora che il lavoro agile è stato regolamentato sul piano normativo ci si aspetta una diffusione capillare. Un cambio di direzione. Ma da dove cominciare?

 

Nell’era dell’Industria 4.0 e della Digital Trasformation è fondamentale applicare un nuovo modello di lavoro dinamico. Per questo è nata l’idea di realizzare lo Smart Working Day, un evento totalmente pratico e diretto dove contenuti concreti hanno giocato il ruolo dei protagonisti.

Dopo gli speeches dei Main Sponsor dell’evento – Estos, Jabra, AVM, Sennheiser, VoipVoice – che hanno contribuito con dei Case Study esemplificativi di come le loro soluzioni potessero essere di aiuto e di supporto per tutti coloro che vogliono diventare Smart Workers, c’è stato il momento di lavoro pratico con il laboratorio “Tools per il lavoro agile” curato da Federico Bianchi e da Giovanni Battista Pozza. A ciascuno dei presenti è stato poi rilasciato un attestato di partecipazione. 

 

Sorrisi, soddisfazione ed entusiasmo nel gruppo di partecipanti al momento dei saluti ci hanno fatto capire che sì: il cambiamento è possibile. Qualcosa si sta già muovendo e noi abbiamo fatto la nostra parte. Grazie a tutti i presenti allo Smart Working Day 2017!

Se non cambiasse mai nulla, non ci sarebbero le farfalle“.

QUI trovate l’album fotografico completo dell’evento.

Il prossimo appuntamento con lo SWD (Smart Working Day) sarà a Roma a settembre. Segnatelo in agenda!

Ylenia Cecchetti

Copernico e il TELES Lounge

Niccolò Copernico

Niccolò Copernico è stato l’astronomo polacco famoso per aver portato all’affermazione della teoria eliocentrica, cioè quella che pone il sole al centro delle orbite dei pianeti che compongono il sistema solare. Prima di lui, la teoria universalmente accettata era la teoria geocentrica, che si basava invece sulla concezione della terra al centro del sistema solare.

La teoria eliocentrica di Copernico trova però le sue origini negli studi e nelle osservazioni fatte dal greco Aristarco di Samo che, tra il 310 a.c. e il 230 a.c., per primo ha introdotto l’ipotesi che fosse il Sole ad essere il punto fisso centrale e che fossero invece la terra e gli altri pianeti a ruotare intorno ad esso seguendo delle circonferenze. Ma è solo nel 1543, grazie a dei complessi procedimenti e dimostrazioni matematiche, che Copernico è riuscito a dimostrare scientificamente la teoria eliocentrica.

 

Universo Eliocentrico Copernicano

Il passaggio da teoria geocentrica e teoria eliocentrica è stato definito dagli scienziati e dagli storici “rivoluzione copernicana”.

Da allora, con questa espressione si tende ad indicare tutti quei cambiamenti che ribaltano i metodi e gli usi utilizzati fino a quel momento proponendo una soluzione innovativa. Un cambio di punto di vista e atteggiamento. Un’inversione dei sistemi concettuali precedentemente accettati.

 

 

TELES Lounge 2017

È stata proprio la “rivoluzione copernicana” il fil rouge che abbiamo utilizzato per l’organizzazione del TELES Lounge 2017, la Convention annuale di TELES AG Informationstechnologien che si è svolta a Milano il 29 marzo. E dove se non in una location d’eccellenza che si chiama appunto Copernico Milano Centrale?!

In uno spazio che innova la tradizionale forma di lavoro e dà un volto nuovo al concetto stesso di Smart Working, abbiamo deciso di realizzare uno degli eventi annuali più importanti per TELES, un momento di confronto dove sono stati invitati a partecipare i principali partner commerciali e clienti chiave.

 

Danilo Bergonzi

Davanti ad una sala gremita di persone, Danilo Bergonzi, Regional Sales Director, ha fatto gli onori di casa e dato la parola ai partner commerciali italiani di TELES (snom, AudioCodes, Sintel e VueTel) in modo che raccontassero come le reciproche soluzioni siano interoperabili e come, insieme, possano essere utilizzate dalle imprese italiane per implementare la produttività aziendale.

 

Samuel Lo Gioco

Dopo una parentesi sul settore delle TLC e sull’evoluzione dei nuovi mercati e modelli di Business tenuta dal Managing Director di Inside Factory, Samuel Lo Gioco, ampio spazio è stato dedicato al Salotto Live, il format di interviste live targato Inside Factory.

 

Salotto Live

Per l’occasione, anche noi abbiamo rivoluzionato il Salotto Live, prevedendo non una ma due sessioni di interviste, prima con i Case History di successo – un ringraziamento particolare a Viatek e Telmekom per averci raccontato come hanno sviluppato nuove attività grazie alla collaborazione con TELES – e successivamente con un confronto a tre – tenuto da esperti di settore – su tematiche relative alle UCC (Unified Communications & Collaborations) e tutti i servizi a valore aggiunto che permettono alle aziende non solo di risparmiare ma anche di ottimizzare il  rendimento aziendale.

 

Danilo Bergonzi

A chiudere il cerchio, la presentazione degli obiettivi per i prossimi anni di TELES a cura del padrone di casa Danilo Bergonzi: operatività, produttività, mobilità, Unified Communications, Knowhow le parole chiave che rappresentano le sfide che TELES si è posta per crescere e aumentare la propria Brand Awareness.

 

Così, se da un lato l’occasione serviva per ribadire il percorso che ha portato TELES ad essere l’azienda che è oggi, dall’altro – proprio come la rivoluzione copernicana – è stato il momento per illustrare il cambio di paradigma e gli sviluppi che la società ha messo in campo per dare nuova spinta e sprone al mondo delle TLC.

 

Ringrazio TELES – e in particolare Danilo Bergonzi – per aver deciso di affidare ad Inside Factory l’organizzazione del TELES Lounge 2017 e per averci coinvolto nella loro “rivoluzione”.

Martina Giacomelli

Guarda il Reportage Fotografico del TELES Lounge 2017.

Elementi di portfolio